Skip to content

Le indagini difensive: da una "difesa di posizione" ad una "difesa di movimento"

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Sirianni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Oreste  Dominioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 187

Nell'ambito degli interventi che un legislatore quanto mai prolifico ha effettuato, nel corso di questi ultimi anni, al fine di consolidare il passaggio da un modello processuale penale di tipo inquisitorio ad uno di tipo accusatorio, un ruolo di primo piano deve, senz'altro, essere attribuito alla normativa disciplinante le indagini difensive, introdotta con legge n. 397/00.
Invero tale innovazione legislativa rappresenta indubbiamente il riconoscimento alla classe forense di un ruolo centrale nell’agone del processo penale, non più caratterizzato dal “gioco di rimessa”, basato esclusivamente sulla capacità di utilizzare e speculare sulle lacune della pubblica accusa, oltre che sulle capacità oratorie dell'avvocato, quasi tutte concentrate nella discussione finale.
L'avvocato penalista oggi è colui che attraverso la sua preparazione, il suo impegno e le sue intuizioni, può fornire al suo assistito la concreta possibilità di far valere i propri diritti e le proprie facoltà.
La legge n. 397/00 ha, infatti, assegnato al difensore gli strumenti attraverso i quali è possibile reperire fonti di prova da utilizzare nell'ambito delle diverse strategie processuali da scegliere e perseguire nell'interesse esclusivo del proprio assistito.
È stata definitivamente abrogata la “sterile” norma di cui all'articolo 38 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale che mai aveva sortito effetti sul diritto del difensore di svolgere investigazioni per “ricercare e individuare elementi di prova a favore del proprio assistito e di conferire con le persone che possono dare informazioni”.
L'attuale normativa sulle indagine difensive prevede la facoltà per il legale di svolgere investigazioni per ricercare elementi di prova a favore del proprio assistito, prerogativa esercitabile in ogni stato e grado del procedimento, nell'esecuzione penale e per promuovere il giudizio di revisione; escludendo per il difensore e per i soggetti indicati dall'articolo 391bis c.p.p. - sostituti, investigatori autorizzati, consulenti tecnici - l'obbligo di denuncia, anche con riguardo ai reati dei quali abbiano avuto notizia nel corso delle attività investigative da essi svolte.
Si segnalano, per la loro portata innovativa, le prerogative riconosciute al legale di parte nella fase pre-procedimentale, laddove possono essere compiute attività preventive di ricerca di elementi istruttori favorevoli all’indagato nella prospettiva del procedimento che sta per iniziare e, più in generale, la tipizzazione delle diverse attribuzioni difensive e della rilevanza degli esiti cui il concreto esplicarsi conduce al processo.
La breve ed incompleta disamina della disciplina relativa alle indagini difensive svolta nel presente elaborato persegue lo scopo di sottolineare gli aspetti salienti di tale normativa al fine di affrontare problematiche recentemente sollevate ed in parte ancora prive di riscontro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nell'ambito degli interventi che un legislatore quanto mai prolifico ha effettuato, nel corso di questi ultimi anni, al fine di consolidare il passaggio da un modello processuale penale di tipo inquisitorio ad uno di tipo accusatorio, un ruolo di primo piano deve, senz'altro, essere attribuito alla normativa disciplinante le indagini difensive, introdotta con legge n. 397/00. Invero tale innovazione legislativa rappresenta indubbiamente il riconoscimento alla classe forense di un ruolo centrale nell’agone del processo penale, non più caratterizzato dal “gioco di rimessa”( 1 ), basato esclusivamente sulla capacità di utilizzare e speculare sulle lacune della pubblica accusa, oltre che sulle capacità oratorie dell'avvocato, quasi tutte concentrate nella discussione finale( 2 ). L'avvocato penalista oggi è colui che attraverso la sua preparazione, il suo impegno e le sue intuizioni, può fornire al suo assistito la concreta possibilità di far valere i propri diritti e le proprie facoltà. ( 1 ) G. ROSSI, Indagini difensive luci ed ombre della normativa vigente, in http://www.giuffrereggioemilia.it/main/indagini_difensive.htm ( 2 ) G. ROSSI, Indagini difensive luci ed ombre della normativa vigente, cit.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 391 bis
corte costituzionale
corte di cassazione
difensore
difesa di movimento
difesa di posizione
indagini difensive
legge 397/00
pubblico ministero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi