Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arundhati Roy e The God of Small Things: la condizione delle donne oppresse e le innovazioni linguistiche

Analisi dei personaggi femminili in relazione alla condizione della donna in India, con paragoni fra una generazione e l'altra.
Analisi della struttura narrativa: narratori speciali (Estha e Rahel), struttura tecnica e narrativa, linguaggio e simbolismo: "reverse words" e immagini simboliche.
Vita dell'autrice e influenze.
Condizione della donna in India in generale. Induismo, intoccabilità e il sistema delle caste.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel 1997 la scrittrice indiana Arundhati Roy pubblica il suo romanzo d’esordio The God of Small Things. Il successo che ottiene è mondiale e il libro è subito tradotto in moltissime lingue e venduto in ventuno paesi. Vince anche il Booker Prize 1997 che, per gli scrittori del Commonwealth è un premio paragonabile al Nobel per la letteratura. Il successo del romanzo è giustificato da una concomitanza di fattori, a cominciare dalla struggente storia d’amore a cui si aggiungono tutte le altre tematiche che arricchiscono la narrazione (la condizione delle donne in India, la pedofilia il colonialismo e i suoi effetti) e per finire hanno grande rilevanza l’innovativa tecnica narrativa (discontinua, non lineare in cui la cronologia dei fatti è stravolta) e il linguaggio, fuori dagli schemi, che conserva parole originali in malayalam e ibridazioni coniate dalle voci narranti. Il romanzo è il risultato dei ricordi romanzati dell’autrice, la storia infatti si svolge nel villaggio di Ayemenem, adattamento per Aymanam, villaggio in cui la Roy ha passato la sua infanzia, adesso parte del Kottayam nel Kerala, stato dell’India. L’asse temporale sul quale si snodano le vicende oscilla fra il 1969 (quando i protagonisti, i gemelli Estha e Rahel, vittime delle circostanze vengono separati) e il 1993 (anno in cui finalmente si riuniscono). The God of Small Things offre proprio per le suddette caratteristiche molti interessanti spunti di riflessione e di studio, che in 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Ilaria Cascione Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1466 click dal 28/11/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.