Skip to content

Il patto di famiglia

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca De Vincentis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Gabriele Marinaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

La legge 14 febbraio 2006 n. 55, ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il nuovo istituto del Patto di famiglia, modificando da un lato l’art. 458 del codice civile statuente il divieto dei patti successori e dall’altro inserendo nello stesso codice, dopo la disciplina dettata per la divisione, il nuovo “Capo V-bis” composto dagli artt. da 768-bis a 768-octies.Tale Patto è stato definito dallo stesso legislatore come «il contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto delle differenti tipologie societarie, l’imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l’azienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti».La ratio ispiratrice dell’istituto in esame è da ricercare nella necessità avvertita dal legislatore di introdurre nel nostro ordinamento un istituto in grado di assicurare il passaggio generazionale dell’azienda ovvero delle partecipazioni societarie.In precedenza l’elevato tasso di litigiosità tra gli eredi di imprenditori determinava la paralisi di molte imprese, specie piccole e medie, con altissimi costi sociali.Inoltre, il divieto dei patti successori, l’azione di riduzione, peraltro irrinunciabile prima dell’apertura della successione e la disciplina della collazione, impedivano all’imprenditore di programmare per tempo la propria successione, e cioè di garantire la trasmissione intergenerazionale dell’azienda.Del resto, è statisticamente provato che se un’impresa riesce a sopravvivere per due o tre generazioni, senza furiosi litigi tra i soci, si è in presenza di una sorta di “miracolo”.Gli assegnatari dell’azienda o delle partecipazioni societarie hanno l’obbligo di liquidare i legittimari non assegnatari, qualora questi non vi rinunzino, in tutto o in parte, con una somma corrispondente al valore delle quote previste dall’art. 536 e ss. La liquidazione dei non assegnatari può avvenire anche in natura e con un successivo contratto, espressamente collegato al patto.I beni attribuiti ai non assegnatari sono imputati, secondo il valore indicato in contratto, alle quote di legittima loro spettanti sull’eredità del disponente. Quanto ricevuto dai contraenti non è soggetto a collazione e riduzione rispetto alla successione dell’imprenditore o del titolare di partecipazioni societarie.Tale disciplina è volta, dunque, a favorire - nel rispetto delle istanze di solidarietà familiare sottese alla posizione dei legittimari - un esercizio dell’iniziativa economica funzionale all’utilità sociale, attento al mantenimento dei livelli occupazionali (art. 4 Cost.), nonché conforme al principio di uguaglianza (art. 3 Cost.).L’istituto in commento è oggetto di numerose dispute in dottrina. Le problematiche giuridiche sono diverse. Tra tutte emerge quella relativa alla sua natura giuridica e, di conseguenza, la disciplina che in concreto si deve applicare.Stante il chiaro disposto letterale dell’art. 768-bis c.c., non vi è dubbio che il patto di famiglia è un “contratto”, con la conseguenza che al medesimo va applicata la disciplina codicistica di cui agli artt. 1321 ss. c.c., ove compatibile e ove non derogata dalla novella (v. ad es. art. 768-quinquies c.c. “vizi del consenso”).Un contratto sicuramente nominato, giacché espressamente disci-plinato dal legislatore, lasciandosi aperta la discussione in ordine al fatto se si tratti di un nuovo contratto tipico - come si ritiene - o invece di una fattispecie sussumibile in altra già nota all’ordinamento.E’ certamente un contratto consensuale ad effetti traslativi immediati che produce l’effetto traslativo dei diritti relativi all’azienda e/o alle partecipazioni societarie, giacché la locuzione trasferisce e, segnatamente, la coniugazione al presente del verbo trasferire - per giunta ripetuta per ben due volte - non può che deporre per l’attualità dello spoglio da parte del disponente e, quindi, non può dare luogo ad alcun dubbio interpretativo.Dal che si deve trarre l’ulteriore conclusione che si tratta di un contratto inter vivos e non mortis causa, poiché l’attualità dello spoglio non consente di individuare in esso un atto volto a disciplinare rapporti e situazioni che vengono a formarsi, in via originaria, con la morte del soggetto o che dalla sua morte traggono comunque una loro autonoma qualificazione, secondo una notissima definizione dogmatica oramai patrimonio acquisito della dottrina civilistica.
Il patto di famiglia è poi sicuramente - quanto meno per il disponente - un atto a titolo gratuito con caratteristiche proprie della (causa di) liberalità. Difatti, il disponente non riceve alcunché in corrispettivo di quanto ha, invece, trasferito (anche) con l’indubbio scopo o, rectius, effetto di arricchire il patrimonio del beneficiario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assegnatario
collazione
contratto
contratto preliminare
costituzione
discendente
disponente
divisione
donazione
famiglia
imprenditore
impresa
legittimario
legittimario sopravvenuto
mortis causa
patti successori
patto
qualificazione
riduzione
società
successione
successione anticipata
terzi
tipico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi