Skip to content

Hölderlin e il canto del destino. Rappresentazione del sogno di un incontro nel viaggio verso l’essere

Informazioni tesi

  Autore: Simona De Lorenzis
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giovanni Stanghellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

Premettendo che il mio elaborato non ha la pretesa di comunicare tutto ciò che c’è da dire su Hölderlin, né di essere assolutamente oggettiva in quanto è imprescindibile dalla soggettività scaturita dal mio personale incontro col poeta, ho voluto evidenziare un percorso possibile che, come un piccolo fotomontaggio, riuscisse ad intrecciare, sviluppandoli, quelli che furono il periodo e l’ambiente storico in cui egli visse, le “situazioni”più emblematiche della sua vita e le sue opere, tutti legati a un filo rosso che li unisce.
Ripensando alle possibili vie che avrei potuto percorrere per far rivivere l’esperienza del “più venturo” dei poeti, mi è sembrato che il mezzo più adatto fosse quello della rappresentazione teatrale. La mia scelta è ricaduta su questa particolare forma di espressione proprio per il forte impatto emotivo che può suscitare, in quanto è in grado di fornire un’immagine più concreta e immediata dell’esperienza a partire dal momento in cui si apre il sipario, entrano in scena gli attori e la trama comincia a dispiegarsi e a fluire coinvolgendo lo spettatore che ha la possibilità di identificarsi con ciò che scorre di fronte a lui. Certo, pur sempre di finzione si tratta, ma è un particolare tipo di finzione che evoca immagini e porta ad un sentire più reale e vivido. Così, la mia rappresentazione su Holderlin è in un certo senso finzione perché non può mai sostituire quella che è stata la sua esperienza nell’immediato dispiegarsi, ma assume la particolare direzione del mio sentire nell’incontro con lui; un incontro trasformatosi in sogno. Una rappresentazione teatrale, dunque, che si dispiega come in una dimensione di sogno. Seguendo Holderlin, “l’uomo è un dio quando sogna, un mendicante, però, quando riflette”. E forse è vero che nel sogno si può cogliere meglio ciò che avviene nella cosiddetta realtà, quando crediamo di non sognare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE “L’inesprimibile – ciò che a me appare misterioso e non riesco ad esprimere – forse procura lo sfondo sul quale ciò che ho potuto esprimere acquista significato” Wittgenstein Il mio incontro con Hölderlin è stato sconvolgente e tanto più mi ha sconvolto quanto più sono riuscita a sentirlo. Ma all’inizio non capivo. ~ II ~  Ricordo ancora come se fosse ieri l’impressione che suscitò in me quel volume di poesie la prima volta che posai lo sguardo su di lui. Aveva impresso in copertina il ritratto di quel grande poeta, un’immagine che catturò subito la mia attenzione e che da allora è rimasta nella mia mente perché aveva un non so ché di inquietante, enigmatico, perturbante. Figurava come un bell’uomo, posato, sulla trentina d’anni, con il vestito accurato e lindo e la forma regolare del viso. Ma fu altro che catturò la mia attenzione. I lineamenti dolci che gli accarezzavano il volto e la pelle liscia e luminosa mi ricordavano quasi quella bellezza mai più eguagliata delle sculture greche. Era un volto da cui traspariva purezza. Quella figura che mi stava lì davanti, immobile come una statua di marmo, comunicava un qualcosa di superiore in tutta la sua presenza. Ma la sua espressione aveva anche un so ché di malinconico; e poi gli occhi, quegli occhi sembravano parlare. Non erano rivolti a qualcosa di particolare e, seppur fossero in direzione del pittore che lo ritraeva, sembravano trapassarlo. Non era neppure un sguardo perso nel vuoto perché quegli occhi guardavano, eccome se guardavano. Andavano oltre però; si lanciavano verso qualcosa che io proprio non riuscivo a cogliere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

holderlin
incontro
manierismo
matte blanco
poesia
rappresentazione teatrale
schizofrenia
sogno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi