Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Concorso e contiguità nell'associazione mafiosa

Oggetto di indagine di tale tesi è quello di verificare ed illustrare quale è, alla luce delle posizioni dottrinali e giurisprudenziali, l’attuale fisionomia del dibattuto tema della configurabilità o meno del concorso eventuale c.d. “esterno”, regolato dagli artt. 110 e ss. c.p., nell’associazione per delinquere di tipo mafioso (art. 416-bis c.p.), fattispecie illecita a concorso necessario.
Suo nodo emblematico è la circostanza che, le condotte tenute da soggetti estranei al sodalizio illecito sussumibili entro il controverso schema del concorso esterno nell’associazione mafiosa occupano, all’interno del nostro ordinamento giuridico, in assenza di un esplicito riferimento legislativo che ne riconosca l’esistenza e l’ambito di operatività, una sorta di “zona grigia”. Questa è collocata a metà strada fra il campo d’azione, delimitato dall’art. 416-bis c.p., riservato al momento di vera e propria partecipazione al sodalizio criminoso e qualificato di concorso necessario, e una sfera di attività, c.d. di “contiguità mafiosa”, realizzate da soggetti non integrati nell’organizzazione illecita, e, per ciò, collaterali o vicine alla stessa, ma occupanti uno spazio neutro perché specificamente disciplinate attraverso la previsione di autonome fattispecie illecite, come i reati di assistenza agli associati, di favoreggiamento personale e reale e di scambio elettorale politico-mafioso, ovvero mediante l’introduzione di particolari circostanze aggravanti, fra cui quella incriminata dall’art. 7 della legge n. 203/1991.
Individuati i limiti di natura ontologica e normativa con i quali deve confrontarsi il concorso esterno per trovare un proprio ambito di rilevanza penale, è possibile circoscriverne i profili problematici analizzati nel corso di questa tesi.
Tale lavoro muove dall’esigenza di verificare la compatibilità della disciplina generale del concorso di persone nel reato rispetto alle fattispecie associative regolate nella parte speciale del codice penale.
Risolto positivamente questo preliminare aspetto, si affronta il nucleo fondamentale della vexata quaestio relativo alla possibilità di ipotizzare o meno un concorso esterno nell’associazione mafiosa, ai sensi del combinato disposto degli artt. 110 e 416-bis c.p.
A tal fine è opportuno seguire il criterio – guida di individuare gli indici rivelatori, sotto l’aspetto oggettivo e soggettivo, dei tre diversi livelli di condotte coinvolte direttamente nel dibattito, indispensabile per distinguere fra partecipazione interna al sodalizio, situazioni riconducibili nella contestata fattispecie del concorso esterno nell’associazione mafiosa ed ipotesi di contiguità alla mafia integranti figure illecite diverse dalle prime due già sanzionate da specifiche disposizioni normative.
Nell’analisi di questo problema e delle sue possibili soluzioni, risulta imprescindibile utilizzare gli apporti fondamentali forniti in merito dai veri protagonisti dell’acceso dibattito che lo anima.
Mi riferisco da un lato agli orientamenti dottrinali raggruppabili in tre diversi indirizzi: favorevole, disincantato e contrario alla configurabilità del concorso esterno nell’associazione mafiosa; dall’altro alle oscillanti decisioni in materia della giurisprudenza di merito e di legittimità.
La scelta metodologica di riservare all’interno della tesi ampio spazio all’esame della funzione vicaria svolta da dottrina e giurisprudenza muove dall’oggettiva constatazione che di fronte alla graduale modifica degli atteggiamenti ed attributi del fenomeno associativo mafioso, non si registra una adeguata e pronta risposta degli organi legislativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 ANNO ACCADEMICO 1996/97 ________________________________________________________________ PREMESSA. Oggetto di indagine del presente lavoro è stato quello di verificare ed illustrare quale è attualmente, anche alla luce delle posizioni assunte dalla dottrina e dalla giurisprudenza, la condizione e l’entità di un tema particolarmente dibattuto e che ha caratterizzato le vicende processuali e dogmatiche del nostro paese nel corso dell’ultimo decennio: quello della configurabilità o meno del concorso eventuale c.d. “esterno”, quale regolato dagli artt.110 e ss. c.p., nell’associazione per delinquere di tipo mafioso, reato rientrante nella categoria delle fattispecie illecite a concorso necessario. Il nodo emblematico di questo argomento riposa nella circostanza che le condotte tenute da soggetti estranei al sodalizio illecito e sussumibili entro il dibattuto schema del concorso esterno nell’associazione mafiosa occupano, all’interno del nostro ordinamento giuridico e in assenza di un esplicito riferimento legislativo che ne riconosca l’esistenza e l’ambito di operatività, una sorta di “zona grigia”. Questa è infatti collocata a metà strada fra il campo d’azione, ben delimitato dall’espressa disposizione contenuta nell’art. 416-bis c.p. ,riservato al momento di vera e propria partecipazione al sodalizio criminoso e qualificato di concorso necessario, e una sfera di attività, c.d. di “contiguità mafiosa”, poste in essere da soggetti non integrati nell’organizzazione illecita, e quindi anch’esse in qualche

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Barbara Cordaro Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10155 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.