Skip to content

Concorso e contiguità nell'associazione mafiosa

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Cordaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Pagliaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

Oggetto di indagine di tale tesi è quello di verificare ed illustrare quale è, alla luce delle posizioni dottrinali e giurisprudenziali, l’attuale fisionomia del dibattuto tema della configurabilità o meno del concorso eventuale c.d. “esterno”, regolato dagli artt. 110 e ss. c.p., nell’associazione per delinquere di tipo mafioso (art. 416-bis c.p.), fattispecie illecita a concorso necessario.
Suo nodo emblematico è la circostanza che, le condotte tenute da soggetti estranei al sodalizio illecito sussumibili entro il controverso schema del concorso esterno nell’associazione mafiosa occupano, all’interno del nostro ordinamento giuridico, in assenza di un esplicito riferimento legislativo che ne riconosca l’esistenza e l’ambito di operatività, una sorta di “zona grigia”. Questa è collocata a metà strada fra il campo d’azione, delimitato dall’art. 416-bis c.p., riservato al momento di vera e propria partecipazione al sodalizio criminoso e qualificato di concorso necessario, e una sfera di attività, c.d. di “contiguità mafiosa”, realizzate da soggetti non integrati nell’organizzazione illecita, e, per ciò, collaterali o vicine alla stessa, ma occupanti uno spazio neutro perché specificamente disciplinate attraverso la previsione di autonome fattispecie illecite, come i reati di assistenza agli associati, di favoreggiamento personale e reale e di scambio elettorale politico-mafioso, ovvero mediante l’introduzione di particolari circostanze aggravanti, fra cui quella incriminata dall’art. 7 della legge n. 203/1991.
Individuati i limiti di natura ontologica e normativa con i quali deve confrontarsi il concorso esterno per trovare un proprio ambito di rilevanza penale, è possibile circoscriverne i profili problematici analizzati nel corso di questa tesi.
Tale lavoro muove dall’esigenza di verificare la compatibilità della disciplina generale del concorso di persone nel reato rispetto alle fattispecie associative regolate nella parte speciale del codice penale.
Risolto positivamente questo preliminare aspetto, si affronta il nucleo fondamentale della vexata quaestio relativo alla possibilità di ipotizzare o meno un concorso esterno nell’associazione mafiosa, ai sensi del combinato disposto degli artt. 110 e 416-bis c.p.
A tal fine è opportuno seguire il criterio – guida di individuare gli indici rivelatori, sotto l’aspetto oggettivo e soggettivo, dei tre diversi livelli di condotte coinvolte direttamente nel dibattito, indispensabile per distinguere fra partecipazione interna al sodalizio, situazioni riconducibili nella contestata fattispecie del concorso esterno nell’associazione mafiosa ed ipotesi di contiguità alla mafia integranti figure illecite diverse dalle prime due già sanzionate da specifiche disposizioni normative.
Nell’analisi di questo problema e delle sue possibili soluzioni, risulta imprescindibile utilizzare gli apporti fondamentali forniti in merito dai veri protagonisti dell’acceso dibattito che lo anima.
Mi riferisco da un lato agli orientamenti dottrinali raggruppabili in tre diversi indirizzi: favorevole, disincantato e contrario alla configurabilità del concorso esterno nell’associazione mafiosa; dall’altro alle oscillanti decisioni in materia della giurisprudenza di merito e di legittimità.
La scelta metodologica di riservare all’interno della tesi ampio spazio all’esame della funzione vicaria svolta da dottrina e giurisprudenza muove dall’oggettiva constatazione che di fronte alla graduale modifica degli atteggiamenti ed attributi del fenomeno associativo mafioso, non si registra una adeguata e pronta risposta degli organi legislativi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 ANNO ACCADEMICO 1996/97 ________________________________________________________________ PREMESSA. Oggetto di indagine del presente lavoro è stato quello di verificare ed illustrare quale è attualmente, anche alla luce delle posizioni assunte dalla dottrina e dalla giurisprudenza, la condizione e l’entità di un tema particolarmente dibattuto e che ha caratterizzato le vicende processuali e dogmatiche del nostro paese nel corso dell’ultimo decennio: quello della configurabilità o meno del concorso eventuale c.d. “esterno”, quale regolato dagli artt.110 e ss. c.p., nell’associazione per delinquere di tipo mafioso, reato rientrante nella categoria delle fattispecie illecite a concorso necessario. Il nodo emblematico di questo argomento riposa nella circostanza che le condotte tenute da soggetti estranei al sodalizio illecito e sussumibili entro il dibattuto schema del concorso esterno nell’associazione mafiosa occupano, all’interno del nostro ordinamento giuridico e in assenza di un esplicito riferimento legislativo che ne riconosca l’esistenza e l’ambito di operatività, una sorta di “zona grigia”. Questa è infatti collocata a metà strada fra il campo d’azione, ben delimitato dall’espressa disposizione contenuta nell’art. 416-bis c.p. ,riservato al momento di vera e propria partecipazione al sodalizio criminoso e qualificato di concorso necessario, e una sfera di attività, c.d. di “contiguità mafiosa”, poste in essere da soggetti non integrati nell’organizzazione illecita, e quindi anch’esse in qualche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

associazione mafiosa
concorso di persone nel reato
concorso esterno
contiguità alla mafia
favoreggiamento personale
favoreggiamento reale
natura plurisoggettiva del reato associativo
partecipazione al reato associativo
reati associativi
mafia
concorso eventuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi