Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riduzione del costo di una caldaia murale convenzionale con ridimensionamento dei principali componenti legati alla combustione e allo scambio termico.

Questo progetto ha come obiettivo la riduzione del 30 % del costo di produzione di una caldaia murale convenzionale a metano già esistente sul mercato, mantenendo costante il rendimento di combustione, il rendimento utile della caldaia e le potenze termiche scambiate fumi/acqua. La tesi spazia dalla situazione del mercato europeo delle caldaie, evolve percorrendo l'esigenza del marketing di sviluppare un nuovo progetto, prosegue con un'analisi dei principali competitor fino ad arrivare al "restyling" completo finale. E' inclusa una parte di letteratura sulla combustione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 Introduzione Questa tesi ha lo scopo di illustrare il lavoro di supporto all’attività progettuale del nuovo modello di caldaia in oggetto, mansione da me svolta presso il laboratorio Ricerca e Sviluppo di FONDERIE SIME S.p.a. (Legnago – VR). Nei primi capitoli di questa tesi verrà trattata a livello teorico la combustione e ciò che ne consegue, ai fini di comprendere meglio il nostro studio successivo riguardante per l’appunto la parte di produzione del calore e lo scambio termico. Il progetto “Low Cost” nasce dall’esigenza del mercato di avere una caldaia a basso prezzo, con prestazioni soddisfacenti e soprattutto conforme con le normative di tutti i mercati europei in cui Sime è presente. L’obiettivo principale è quello di ridurre il costo del 30% di una gamma di caldaie già esistente, agendo su ogni parametro che porti ad un abbattimento del prezzo. Ovviamente poiché gli elementi che saranno analizzati per questo progetto sono molti, la parte concentrata in questa tesi riguarderà sia la riduzione delle dimensioni del bruciatore che la riduzione delle dimensioni dello scambiatore di calore, mantenendone comunque le prestazioni ed i rendimenti della caldaia di partenza. Ovviamente lo sviluppo del progetto riguarda tutta la gamma a basso costo che comprenderà caldaie a condensazione, caldaie a camera stagna (BF - Balance Flow) e caldaie camera aperta (OF - Open Flow), tutte aventi portate termiche di 25 e 30 kW, ma il mio studio si concentrerà sulla 25 BF e prenderà come caldaia base una ”Metropolis”, appartenente già alla fascia del basso di gamma. Nei paragrafi che seguono sarà esplicata la situazione del mercato europeo, la posizione di Sime al suo interno e le motivazioni che stanno alla base della richiesta del marketing di produrre un nuovo articolo per far fronte alla concorrenza.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Damiano Giulioni Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 948 click dal 11/12/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.