Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le luxury brand: come trasformare un sogno in una strategia aziendale di successo

L'obiettivo della tesi è quello di analizzare l'approccio strategico delle luxury brand nel gestire la loro attività multi dimensionale.
Nella prima parte del lavoro, si descrive la realtà del mercato del lusso, dandone una chiara e puntuale rappresentazione, sia del lato della domanda che quello dell'offerta.
Si affronta, quindi, l'analisi delle strategie e politiche operative osservate: prodotto, brading, prezzo, comunicazione e distribuzione.
La tesi, quindi, si muove lungo un processo logico di passaggi successivi che, dall'individuazione del mercato e delle sue dinamiche, giunge a definire strategie e leve operative, per competere efficacemente e posizionare un brand ai vertici del proprio settore. In particolare, si pone l' attenzione su due dei piu importanti caratteri che rendono il settore del lusso unico nel suo genere: il negozio monomarca, nel suo ruolo di innovativo canale comunicativo, e il processo di internazionalizzazione, che ha permesso l'affermazione nel mercato mondiale.
Nell'ultima parte, attraverso il caso Loro Piana, si sono confrontate le osservazioni precedentemente sviluppate in via teorica con la realtà aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
6Premessa e metodologia Oscar Wilde affermava: “Il lusso consiste in cose, oggetti, beni di cui spesso diciamo che faremmo volentieri a meno. E anzi le butteremmo via di tutto cuore se non fossimo certi che altri le raccoglierebbero subito” e ancora: “Posso resistere a tutto, eccetto che alle tentazioni”1 In questi due aforismi, è contenuta molta dell’essenza del fenomeno del lusso: l’acquisto di questi prodotti prescinde, infatti, dai bisogni tangibili e si pone nell’ambito dei vaghi desideri. Obiettivo del mio lavoro è studiare le modalità attraverso cui le luxury brand riescono a privilegiare i desideri, rispetto ai bisogni: esse fanno sorgere una fruizione di tipo personale e privato, in cui è la volontà di realizzare i propri sogni ed i propri desideri a condurre l’atto di acquisto. Oltre a qualità formali e materiali, il lusso comprende soprattutto qualità emozionali in aggiunta ad un valore di ostentazione ed esclusività che deriva dalla capacità comunicativa dei beni, espressione di un modo di vivere, e non più soltanto dello status sociale del consumatore. I fruitori di questo tipo di beni mostrano, infatti, intenzionalmente, la loro appartenenza ad una ristretta élite d’individui che condividono il medesimo stile di vita; tale appartenenza risulta giustificata dal possesso di prodotti esclusivi e qualitativamente superiori, qualità che trovano espressione in un prezzo elevatissimo. Le aziende che operano in tale settore sono, ormai, consapevoli che non è più sufficiente offrire informazioni sulla qualità e funzionalità dei prodotti né suscitare semplici emozioni nell’acquirente; ho notato, nel corso del mio studio, come sia necessario costruire attorno al marchio una realtà 1 Wilde O. (1992), “Aforismi”, Mondadori

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Zanetta Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7230 click dal 12/12/2008.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.