Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trasferimento d'azienda: tutela del lavoratore tra ordinamento nazionale e ordinamento comunitario

Questa tesi rappresenta in modo critico la dicotomia legislativa sul trasferimento d'azienda. L'importanza per la tutela dei lavoratori sia in ambito comunitario che in quello nazionale viene visto e presentato con un breve excursus storico sull'art. 2112 c.c., poi vi è un'approfondita disamina del trasferimento d'azienda nei rapporti di lavoro, infine si esamina la particolare fattispecie del ramo d'azienda. In ogni caso, dando uno sguardo all'indice e alla bibliografia ci si rende immediatamente conto della bontà della tesi, da 110 e lode per l'esattezza...

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I La normativa comunitaria e nazionale sul trasferimento d’azienda 1. L’art. 2112 c.c.: confini e origini del trasferimento di azienda L’analisi della disciplina normativa applicabile al trasferimento di azienda non può prescindere da un breve studio della nozione di azienda fornita dal nostro codice civile. In proposito, l’art. 2555 c.c. definisce l’azienda come “il complesso dei beni organizzati dall’imprenditore per l’esercizio dell’impresa”. Mentre l’art. 2082 c.c. definisce l’imprenditore come colui che “esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni e di servizi”. Dal combinato disposto delle due norme emerge il rapporto giuridico esistente fra azienda e impresa, ossia un rapporto “di mezzo a fine”: l’azienda costituisce l’apparato strumentale di cui l’imprenditore si avvale per lo svolgimento e nello svolgimento della sua attività 1 . L’imprenditore, nell’esercizio dell’attività d’impresa, utilizza, perciò, un insieme eterogeneo di beni, collegati tra loro, al fine di conseguire scopi specifici. Preme sottolineare che oltre i beni materiali ed i servizi, essenziale è il lavoro dei prestatori d’opera che, coordinato ed organizzato dall’imprenditore, costituisce parte integrante dell’oggetto dell’attività d’impresa. 1 G. CAMPOBASSO, Diritto commerciale, Vol. I, Utet, Torino, 2005, pag. 138.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonino Cintorino Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2966 click dal 10/12/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.