Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto generale di un'imbarcazione veloce da 39 piedi e studio idrodinamico della carena

Il successo di un progetto navale, che non è comunque solo frutto di calcoli o di tecnica ma anche di intuizione e di arte, sarà sempre il risultato di un grande compromesso: la nave viaggia infatti sul confine di due fluidi molto diversi tra loro per densità e viscosità cinematica, quali sono l’acqua e l’aria.
Il maggior problema da affrontare nell’ambito degli scafi plananti (ma non solo) consiste nella resistenza all’avanzamento dovuta principalmente all'attrito dell'acqua contro la superficie della carena (resistenza d'attrito) e alla generazione, al passaggio dell'imbarcazione sull'acqua, di onde di superficie (resistenza d'onda). Cercare di ridurre al minimo la resistenza al moto è il compito rilevante del progettista in quanto barca planante è sinonimo soprattutto di velocità.
Con il seguente elaborato si propone di dare una visione complessiva per ciò che riguarda il progetto di una carena planante partendo dall’analisi degli aspetti dell’imbarcazione oggetto dello studio, quali ad esempio piani di costruzione e calcoli di carene diritte, passando poi alla scelta della motorizzazione e quindi alle previsioni di potenza dello scafo, utilizzando il metodo di previsione di Savitsky.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il successo di un progetto navale, che non è comunque solo frutto di calcoli o di tecnica ma anche di intuizione e di arte, sarà sempre il risultato di un grande compromesso: la nave viaggia infatti sul confine di due fluidi molto diversi tra loro per densità e viscosità cinematica, quali sono l’acqua e l’aria. Il maggior problema da affrontare nell’ambito degli scafi plananti (ma non solo) consiste nella resistenza all’avanzamento dovuta principalmente all'attrito dell'acqua contro la superficie della carena (resistenza d'attrito) e alla generazione, al passaggio dell'imbarcazione sull'acqua, di onde di superficie (resistenza d'onda). Cercare di ridurre al minimo la resistenza al moto è il compito rilevante del progettista in quanto barca planante è sinonimo soprattutto di velocità. Con il seguente elaborato si propone di dare una visione complessiva per ciò che riguarda il progetto di una carena planante partendo dall’analisi degli aspetti dell’imbarcazione oggetto dello studio, quali ad esempio piani di costruzione e calcoli di carene diritte, passando poi alla scelta della motorizzazione e quindi alle previsioni di potenza dello scafo, utilizzando il metodo di previsione di Savitsky.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gloria Mattisi Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3980 click dal 15/12/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.