Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fondamento costituzionale delle azioni positive

il fondamento costituzionale delle azioni positive è una tesi basata sulla natura e sull'evoluzione che tale strumento di tutela ha raggiunto nell'ordinamento nazionale ed europeo. Si parte dalla storia con le affermative actions per arrivare alle codice sulle pari opportunità passando per la legge 241/90 e le cosiddette direttive di seconda generazione. Il fondamento delle azioni positive - misure specifiche di vantaggio per gruppi potenzialmente discriminabili - viene rintracciato nell'art. 3 della costituzione e trova ulteriore specificazione almeno per le donne nell'art. 37 della costituzione. Uno studio attento delle azioni positive ci porta a capire il complessso mondo di un diritto che deve avvicinarsi sempre di più alla realtà del singolo cao concreto

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I AZIONI POSITIVE: ORIGINE, DISCIPLINA COMUNITARIA E LEGISLAZIONE INTERNA 1 Le Affermative Actions Tra le due fattispecie affermative actions e azioni positive intercorre una grande differenza. Le affermative actions sono nate nell’ esperienza nord americana di lotta alle discriminazioni razziali, 1 le azioni positive si sono originate e sviluppate nell’esperienza europea e italiana di tutela delle donne. 2 Nel mondo americano, un antecedente storico delle affermative actions può rinvenirsi nelle misure preferenziali accordate ai cosiddetti veterani della seconda guerra mondiale. 3 Successiva a tale esperienza, è stata la 1 Anche se secondo alcuni autori le affermative actions , nel sistema americano, non sono mai state completamente accettate, c.f.r. A. D’Aloia, Eguaglianza sostanziale e diritto diseguale. Contributo allo studio delle azioni positive nella prospettiva costituzionale, Padova, Cedam, 2002, p. 130. 2 Per un confronto vedi A. D’Aloia, op. ult. cit., p. 215 ss. 3 Secondo alcuni autori le “Affermative actions is not a new concept, born in the civil rights movement of the 1960’s. It is an old equity doctrine, and it has been applied to innumerable people and projects that could not otherwise compete on equal terms in our higly competitive society”, c.f.r. A. Fagan Ginger, Who needs Affermative actions, in Bakke Symposium: civil rights perspective, Harvard Civil Rights-Civil liberties Re.v, 1976, p. 265 ss.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Consuelo Citriniti Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2884 click dal 08/01/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.