Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura femminile nella prosa di Unamuno

Analisi dei principali tipi di figura femminile presenti nelle opere di prosa dell'autore basco modernista: mogli, madri, figlie, amanti, sorelle, serve, alla luce delle convinzioni di Unamuno in materia di politica, religione, moralità, rapporti famigliari. In particolare viene analizzata la componente bibliografica fortemente presente. Riferimenti anche alla situazione generale del tempo, sia storica che politica che economica, nonché la condizione femminile spagnola propria di quegli anni.

Mostra/Nascondi contenuto.
– 3 – -Introduzione- CENNI STORICI Nel XIX secolo sorge la statistica moderna, che permette di tenere sotto osservazione periodica i fatti desiderati, per poterli analizzare e trarre delle conclusioni affidabili. In Spagna la serie regolare dei censimenti ufficiali cominciò dal 1857. Osservando questi dati si può notare che durante il XIX secolo la popolazione quasi raddoppiò, nonostante le carestie o le epidemie dovute “a las condiciones precarias del habitat urbano y rural, la escasez de medidas higiénicas, la inexistencia de una sanidad pública preocupada por estos problemas”.1 Un tema demografico importante del momento era l’emigrazione, principalmente in America e Africa, in misura decisamente minore dalla campagna alle città. La magggior parte della popolazione spagnola lavorava nel settore agrario, arretrato. Fino alla fine del secolo la produzione si mantenne a livelli bassi, e questo per colpa del monopolio e del protezionismo. Probabilmente “la razón por la que la agricultura española tardó tanto en modernizarse fue debida principalmente a la producción arancelaria que, a partir de 1892, benefició a los productores y cultivadores de trigo, sector retardatario que […] impidió […] una reordenación de los cultivos hacia sectores más productivos” (p. 16). I politici avevano optato per il protezionismo perché temevano che gli agricoltori spagnoli non avrebbero visto di buon occhio il libero mercato. 1 C.M.RUIZ, El 98, Madrid, Acento editorial, 1998, p. 13. La maggior parte delle sucessive citazioni è tratta da questo manuale, se non è specificato diversamente in nota. Fra parentesi, dopo la citazione, indico la pagina da cui è tratta.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Zanon Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4701 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.