Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo decisionale dall'economia classica al neuromarketing

Quotidianamente ogni persona deve prendere tante decisioni più o meno importanti. Ciò che mi sono chiesta nell'affrontare la stesura di questa tesi è: cos'è e come avviene il processo decisionale nell'uomo? cosa ci spinge a scegliere un'alternativa rispetto ad un'altra? perché spesso prendiamo decisioni irrazionali e non economiche? cosa accade del nostro cervello quando scegliamo una certa opzione? quali aree cerebrali vengono coinvolte? è possibile manipolare le scelte degli individui? qualche disciplina è riuscita a spiegare in modo oggettivo e accurato come avviene il processo decisionale?
La comparsa delle neuroscienze sembra far sperare che, nel lungo termine, si possano chiarire tutti quegli aspetti ancora oscuri o da approfondire.
Questa tesi è il risultato di uno studio intenso, durato più di un anno, che abbina un tipo di studio classico (fondato su economia, psicologia, filosofia) alle neuroscienze.
Di particolare interesse ritengo sia l'individuazione di alcune aree cerebrali, quali la corteccia orbitofrontale e in particolare la sua porzione più mediale, che sembrerebbero i centri cerebrali più tipicamente coinvolti nei processi decisionali dell’uomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 THE DECISON-MAKING FROM THE CLASSICAL ECONOMY TO THE NEUROMARKETING Abstract Introduction Most economists are curious about neuroscience but at the same time they are sceptical that it can really improve economy. Traditionality the economic theory ignores psychology and considers unnecessary to know more about the brain. But we believe that some neuroscientific regularities will help explain anomalies that have been debated for decades. 1° Chapter In the first chapter, I analyse decision-making in economic field, from the neoclassical economic theories to the cognitive economy. For many decades, neoclassical economic theory developed mathematical techniques to make economic predictions without limiting thoughts or feelings. The standard economic theory of constrained maximization utility is naturally interpreted as a balancing of the costs and benefits of different options and represents decisions in a “deliberative equilibrium”. Simon introduced a new way of interpreting decision-making with the “limited rationality theory”. According to him, man is not completely rational when he makes decisions because he is influenced by emotions and feelings. Cognitive and experimental economy applied these theories pratically through “games theory”. For example, in ultimatum bargaining games, players usually offer about half of fixed sum to another player who often refuses small offers. Even if players are self-interested in continuing the game, the theory predicts they shouldn’t offer much and accept any amount of money. Today, Neuroscience helps us to understand why players reject small offers. 2° Chapter In the second chapter, I analyse how findings and methods in neuroscience, particularly brain imaging, is always more important in economics. Study of brain and nervous system allows direct measurement of thoughts and feelings, and these measurements let us change our understanding of the relations between mind and action. Recently, two new fields of studies have arisen: Neuroeconomics and Neuromarketing. Neuroeconomics has emerged as an inter-disciplinary work. Research in the field of Neuroscience and Psychology has begun to investigate the neural bases of decisions,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanna Arduino Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6171 click dal 23/12/2008.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.