Skip to content

Farmacoeconomia, marketing e ruolo dell'informatore scientifico sul farmaco

Informazioni tesi

  Autore: Rossano Di Maida
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Scienze e tecnologie farmaceutiche
  Relatore: Maria Neri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

Il settore farmaceutico è di per sé atipico e rispondente a regole di mercato anomale.
Nell'industria farmaceutica non ci sono stati nuovi entranti per decenni.
Il motivo è da ricercare nell’ eccessiva indipendenza delle imprese e sulla riservatezza dei loro metodi d'azione. Inoltre, le imprese farmaceutiche sono sempre state eccezionalmente profittevoli ed altamente innovative.
Questo traguardo è stato raggiunto evitando la competizione diretta e contando molto poco sulle forme di alleanza operando insieme al fine di scoraggiare le nuove entrate.
Queste caratteristiche, che hanno reso l'industria farmaceutica "unica", sono gradualmente scomparse.
I produttori sono stati coinvolti in molteplici processi di fusioni ed acquisizioni, hanno assunto managers nuovi, hanno ridotto la dimensione e si sono ristrutturati.
La competizione si è quindi accresciuta.
La missione è sempre il soddisfacimento del bisogno di salute del cliente, ma attraverso un nuovo orientamento alla concorrenza, divenuta ora più forte a causa dell'incrementata concentrazione.
I punti fondamentali riguardano sempre i farmaci quali beni da produrre, e il binomio medico- paziente quale consumatore, ai quali sono collegate le scelte relative al processo di produzione, quale sintesi di una molecola realizzata dalla Ricerca e Sviluppo, e ai canali di distribuzione: la tendenza è quella di esternalizzare tali responsabilità.
Il settore farmaceutico è sempre stato un settore caratterizzato da una forte stabilità, che ha visto una crescita continua, sem¬plicità nel raggiungere risultati economici interessanti e margi¬ni particolarmente elevati se confrontati ad altri settori.
Anni fa trovare lavoro in un'azienda farmaceutica era sem¬plice, soprattutto come Informatore Scientifico sul Farmaco: erano pochissimi rispetto al numero di medici, avevano ampia possibilità di movimento sul territorio, esistevano meno vincoli dal punto di vista legislativo. Ne è testimone chi, con un po' di malinconia, ricorda ancora i suoi “inizi sul campo”, i suoi rap-porti con i medici di zona, quando “si andava al bar a bere un caffè” e si instauravano rapporti interpersonali di amicizia che consentivano con un minimo sforzo di ottenere grandi risultati: tempi questi, neanche troppo lontani, nei quali l'azienda defini¬va un budget di vendita, lo comunicava agli uomini sul territo¬rio e le cose “andavano da sole”..
In queste condizioni di stabilità, sicuramente privilegiate rispetto ad altri settori, era difficile percepire qualsivoglia esi¬genza di cambiamento e lo sviluppo del business era ricercato sostanzialmente attraverso il rafforzamento, in termini numeri¬ci, della rete di vendita e attraverso un maggior presidio del medico. Si adottava una strategia basata sostanzialmente sul numero dei contatti con il medico, sulla relazione interpersona¬le e sulla creazione, da parte del marketing, di mezzi comunica-zionali adeguati a supporto della rete: una strategia, in sintesi, orientata alla comunicazione, fondata sul numero di visite e sul¬l'efficienza operativa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. FARMACOECONOMIA E AZIENDE FARMACEUTICHE 1.1. Introduzione FARMACOUTILIZZAZIONE Tutti i moderni sistemi sanitari negli ultimi anni si sono trovati a dover gestire una realtà molto complessa, caratterizzata dall’esplosione dei costi, a fronte di limitate risorse da impegnare. L’avvio di nuove terapie farmacologiche ad alto costo, l’aumento progressivo del consumo dei farmaci e il conseguente incremento della spesa hanno imposto ai soggetti istituzionalmente coinvolti nella gestione della sanità pubblica l’esigenza di razionalizzare l’impiego delle risorse. Questo ha comportato la necessità di applicare, anche in campo sanitario, alcune tecniche di valutazione tipiche dell’analisi economica, al fine di attuare delle scelte che ripartiscano nel miglior modo possibile le scarse risorse disponibili. L’analisi economica, utilizza metodi quantitativi formali per confrontare interventi alternativi fra loro per impegno di risorse e risultati ottenuti. Idealmente, l’analisi economica può aiutare ad identificare procedure inefficaci e che consumano inutilmente risorse, ed interventi meno costosi che siano efficaci tanto quanto quelli più dispendiosi. Non sorprende quindi che il numero delle analisi economiche nella letteratura biomedica sia in continuo aumento negli ultimi anni. Esistono vari tipi di analisi economiche, e quelle di elevata qualità hanno alcuni elementi in comune: • confrontano strategie alternative di screening, trattamento, profilassi, miglioramento della qualità o diagnosi (anche non fare nulla può essere considerata una strategia alternativa);

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

classi di farmaci
composizione e ricomposizione
domanda e offerta
economia
farmacoeconomia
industria farmaceutica
marketing
marketing operativo
marketing strategico
nuova entità chimica
pmi
posizionamento
sales effectiveness
sanità
segmentazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi