Skip to content

Interazione pianta-patogeno: caratterizzazione in vitro e in vivo di poligalatturonasi prodotte da Botrytis cinerea

Informazioni tesi

  Autore: Irene Giannetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Patrizia Aducci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

Botrytis cinerea è un patogeno vegetale fungino, l’agente eziologico della muffa grigia, in grado di infettare più di 200 specie di piante (Jarvis,1977) da quelle ornamentali, ai frutti, ai raccolti. La caratteristica di questo patogeno è quella di poter attaccare le coltivazioni in ogni stadio di crescita ed infettare tutte le parti della pianta (Elad e Evensen, 1995), provocando così seri danni a livello economico. E’ noto dalla letteratura che i funghi quando attaccano la pianta ospite, producono un ampio spettro di enzimi degradanti la parete della cellula vegetale CWDEs (cell wall degrading enzymes) di cui fanno parte le poligalatturonasi (PG). Finora è stato dimostrato che solo nel caso di Aspergillus niger (Shieh et al., 1997) e più specificatamente nel caso di Botrytis cinerea (ten Have et al.,1998), l’eliminazione dell’espressione delle PG, appartenenti al gruppo CWDEs, ha portato ad una riduzione della virulenza del fungo, indicandone quindi un ruolo importante per lo sviluppo della patogenesi. Finora nel caso di Botrytis cinerea, sono stati descritti 13 isoenzimi e sono stati clonati 6 geni, senza però determinare ancora la correlazione gene-proteina. Considerando quindi il complesso sistema di poligalatturonasi prodotte da Botrytis cinerea ed il loro ruolo nello sviluppo della patogenesi, la caratterizzazione delle PG è essenziale nello studio pianta-patogeno e nella possibilità di elaborare strategie di resistenza delle piante.
Il lavoro svolto in questa tesi è stato quindi finalizzato alla caratterizzazione biochimica delle poligalatturonasi (PG) prodotte in vitro da Botrytis cinerea, ed alla loro identificazione in vivo, su frutto di pomodoro infettato, in seguito all’interazione pianta-patogeno. Dai risultati ottenuti è stato possibile distinguere diversi ceppi fungini di Botrytis cinerea per la presenza di un polimorfismo biochimico, altrimenti difficilmente distinguibili dalla sola analisi morfologica. In particolare la combinazione di diverse tecniche biochimiche ha permesso la caratterizzazione delle singole PG prodotte da questo fungo. Inoltre le PG prodotte in vivo da Botrytis cinerea, su frutto di pomodoro infettato, hanno mostrato un diverso profilo elettroforetico rispetto a quelle identificate in vitro. I risultati ottenuti possono quindi integrare le informazioni sulle poligalatturonasi prodotte da Botrytis cinerea già presenti in letteratura ed essere un punto di partenza per ulteriori analisi sia biochimiche che molecolare, le quali potrebbero portare ad identificare i geni che primariamente intervengono nel processo di infezione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE: 1.1 FUNGHI: definizione e classificazione dei funghi Il Regno dei funghi comprende dalle 65.000 alle 100.000 specie. Essi sono organismi eucariotici eterotrofi la cui origine e affmità sono tuttora mal definiti. I funghi si distinguono dagli altri organismi in quanto: 1) sono organismi eucariotici privi di plastidi; 2) hanno una nutrizione rigorosamente eterotrofa ossia organotrofa per assorbimento; 3) sono costituiti da cellule sferoidali o allungate, dette ife, spesso riunite in ammassi più o meno voluminosi chiamati miceli che non si differenziano mai in veri tessuti ma al massimo formano pseudotessuti; 4) la loro riproduzione avviene per la formazione di spore o gameti. La distinzione dei vari tipi di fungo è fatta generalmente in base all' organizzazione del loro corpo vegetativo. Sono stati distinti i Myxomycota di cui fanno parte i "funghi mucillaginosi" e gli Eumycota considerati, i funghi veri e propri ed entrambi costituiscono i due phylum del Regno. La maggior parte dei funghi appartiene al phylum degli Eumycota che è a sua volta distinto in Mastigomycotina e Amastygomicotyna in quanto al primo appartengono tutti i funghi che, almeno nella loro fase riproduttiva, hanno ancora i flagelli, mentre ai secondi appartengono tutti i funghi detti anche "Funghi superiori" (Ascomiceti e Basidiomiceti) privi di flagelli. Negli Eumycota le ife si organizzano a formare dei corpi fruttiferi e alcune assumono una precisa funzione come nel caso delle ife vasali cui è affidata la conduzione delle soluzioni, delle ife fibrose aventi la funzione di sostegno, e delle ife laticifere contenenti liquidi particolari. In alcuni casi le ife, aventi la funzione di conservare il rnicelio allo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

botrytis cinerea
fisiologia vegetale
funghi
patogeni vegetali
poligalatturonasi
pomodori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi