Skip to content

Disagio psicologico dell'infermiere-soccorritore impegnato in una maxi-emergenza

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Paviera
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: marco iudica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

A seguito di un evento catastrofico distinguiamo diversi disturbi sia nelle vittime che nei soccorritori:
1. Disturbo post-traumatico da stress;
2. Disturbo acuto da stress;
3. Disturbo d’ansia generalizzata;
4. Il disturbo di panico con o senza agorafobia.
Quindi appare evidente che non si può lasciare al caso o all’improvvisazione l’assistenza e la preparazione operativa che fa la differenza fra vivere, morire o subire un disagio psicologico per l’esposizione alla sofferenza altrui.
Scopo primario della tesi, quindi, è capire le caratteristiche che dovrebbe avere un soccorritore, analizzare in modo critico quanto durante la laurea di 1° livello si affrontino le peculiarità dell’assistenza infermieristica nelle maxi-emergenze e rilevare quanti infermieri frequentino, dopo la laurea, Master sulle maxi-emergenze o dei corsi di perfezionamento specifico.
L’interesse per questa tematica nasce dalla consapevolezza che oggi l’infermiere, più che mai, possa nel corso di un’emergenza, essere esposto, crudamente ed inesorabilmente, agli effetti dell’evento disastro e quindi fortemente a rischio psicologico.
Occorre, sempre tenere presente che se l’operatore diventa a sua volta una vittima, sarà di scarso o di nessun aiuto per i pazienti e potrà porre in pericolo altro personale di soccorso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Nell attivit di un evento catastrofico, Ł importante che ciascuno conosca sØ stesso e sappia benissimo come, che cosa e in quanto tempo fare, infatti si pu ragionevolmente sostener e che chiunque sia testimone di una catastrofe Ł in qualche maniera vittima della catastrofe stessa. Da soccorritore si corre il rischio quindi di diventare vittima, non solo perchØ si pu , nel soccorso stesso, rimanere feriti o uccisi (es: i vigili del fuoco a New York nei soccorsi in seguito all attentato alle Torri Gemelle dell 11 settembre del 2001), ma perchØ si pu essere congiunti, colleghi o amici di vittime e/o far parte della comunit colpita (come i militari che hanno prestato soccorso a Nassiriya durante l attentato suicida del 12 novembre del 2003), anche solo perchØ si Ł inesorabilmente e crudamente esposti agli effetti dell evento. Come infermiere del Corpo Sanitario dell Esercito, proiettato verso scenari operativi complessi, il rischio di attentati terroristici, devastazioni e disastri naturali, sono da considerare come possibili evenienze. Proprio per il futuro impiego presso i reparti operativi, in scenari War1 o di PSO s2, mi sono spesso interrogato sulle reali competenze e sulle qualit degli infermieri soccorritori in un d isastro o in una maxi- emergenza. Talvolta, anche la sola esposizione, specie se intensa e/o ripetuta rende il soccorritore vittima di un trauma; la questione sta allora in 1 Reali operazioni di guerra nelle quali deve essere pianificata un assistenza sanitaria che tenga in considerazione anche le patologie presenti sul territorio ove saranno inviate le truppe. 2 Peace Support Operations ultimamente ribattezzate CRO s (Crisis Response Operations) mirano alla risoluzione di stati di crisi ed al sostegno della pace. Devono considerare un maggior afflusso di pazienti, differenti tipi di patologie, particolari realt sociali e religiose.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diagnosi infermeristica
disagio psicologico
infermiere
infermieristica
maxi-emergenze
soccorritore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi