Skip to content

Marketing territoriale e grandi eventi: il Torino Film Festival

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Voglino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Enrico Ercole
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

La dimensione locale ha assunto negli ultimi anni una rilevanza crescente, sia nelle strategie localizzative delle imprese private, sia nelle politiche di sviluppo territoriale elaborate dai governi, siano essi nazionali, sovra-nazionali o locali.
La globalizzazione ha certamente favorito questo processo. Attraverso la mobilità dei capitali, degli individui e delle informazioni e l’abbattimento delle distanze e dei tempi di comunicazione, la globalizzazione economica ha reso ogni area geografica un potenziale luogo di insediamento di attività anche di provenienza esterna. La “nuova” economia globale è in cerca di spazi convenienti dove valorizzare appieno le proprie attività (Bagnasco 2004, 457-459) ed è estremamente selettiva: non agisce con uguale intensità in tutto il mondo ma seleziona alcune aree “fertili” dove si concentreranno le attività economiche (Ciciotti 1993, 113). Si tratta di determinati territori, regioni e città dove si combinano favorevolmente fattori endogeni ed esogeni che favoriscono lo sviluppo economico (Ercole 2004, 336). Nei Paesi europei la nuova economia globale si presenta sempre di più come un’ “economia arcipelago” (Veltz 2001, 46), dove alcuni territori riescono a cogliere e sfruttare al massimo le opportunità generate dalla globalizzazione, mentre altri territori, deboli in termini di competitività del tessuto produttivo, di qualità del capitale umano e di risorse strategiche, rischiano l’esclusione e il declino in misura molto maggiore rispetto al passato (Camagni 2000, 191).
L’apertura dei mercati e i processi di multinazionalizzazione riguardanti le imprese comportano un indebolimento degli Stati-Nazione quali regolatori in campo economico, politico, sociale e culturale. Ciò è dovuto al divario esistente tra l’ampiezza delle relazioni economiche e l’estensione della sovranità degli Stati, la quale fermandosi ai confini nazionali, è sottodimensionata rispetto alla globalità delle situazioni che dovrebbero regolare.
In campo politico, paradossalmente, il processo di globalizzazione tende a valorizzare la dimensione locale che si pone come la dimensione privilegiata perché è in quel contesto che si combinano in modo efficace i fattori endogeni ed esogeni di sviluppo (Ercole 2004, 337). Come sostiene Ercole (ibi, 338) è a livello sub-statale che si strutturano le economie locali. Si assiste, perciò, ad «un processo nel quale il potere economico e politico si spostano progressivamente dal livello nazionale al tempo stesso verso l’alto e verso il basso». Nel primo caso, vi è la nascita di organismi internazionali con funzione di direzione (UE), nel secondo caso, si attiva un processo di trasferimento di quote del potere decisionale e del controllo delle risorse economiche verso il livello locale, che vede il governo locale e i propri attori rilevanti assumere un peso crescente nella determinazione dello sviluppo economico delle rispettive aree geografiche di competenza. E’ in uno scenario di questo tipo che si afferma il modello della governance, ovvero il processo che conduce alla presa di decisioni di interesse pubblico basato su partnerships pubblico-private e sulla partecipazione di attori provenienti da diversi ambiti istituzionali, locali ed esterni. Questi attori devono essere in grado di adottare comportamenti cooperativi, condividendo gli obiettivi e promuovendo azioni fra loro integrate (Bagnasco 2004, 467).
Città e territori competono a livello globale per attrarre city users, per la spartizione di funzioni di comando e controllo, per attrarre finanziamenti europei, funzioni pregiate e flussi (di merci, persone, capitali e conoscenze) e la maggior o minor competitività di un territorio dipende dalla capacità dello stesso di cooperare su due livelli analitici (interno ed esterno) differenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La dimensione locale ha assunto negli ultimi anni una rilevanza crescente, sia nelle strategie localizzative delle imprese private, sia nelle politiche di sviluppo territoriale elaborate dai governi, siano essi nazionali, sovra-nazionali o locali. La globalizzazione ha certamente favorito questo processo. Attraverso la mobilità dei capitali, degli individui e delle informazioni e l’abbattimento delle distanze e dei tempi di comunicazione, la globalizzazione economica ha reso ogni area geografica un potenziale luogo di insediamento di attività anche di provenienza esterna. La “nuova” economia globale è in cerca di spazi convenienti dove valorizzare appieno le proprie attività (Bagnasco 2004, 457-459) ed è estremamente selettiva: non agisce con uguale intensità in tutto il mondo ma seleziona alcune aree “fertili” dove si concentreranno le attività economiche (Ciciotti 1993, 113). Si tratta di determinati territori, regioni e città dove si combinano favorevolmente fattori endogeni ed esogeni che favoriscono lo sviluppo economico (Ercole 2004, 336). Nei Paesi europei la nuova economia globale si presenta sempre di più come un’ “economia arcipelago” (Veltz 2001, 46), dove alcuni territori riescono a cogliere e sfruttare al massimo le opportunità generate dalla globalizzazione, mentre altri territori, deboli in termini di competitività del tessuto produttivo, di qualità del capitale umano e di risorse strategiche, rischiano l’esclusione e il declino in misura molto maggiore rispetto al passato (Camagni 2000, 191). L’apertura dei mercati e i processi di multinazionalizzazione riguardanti le imprese comportano un indebolimento degli Stati-Nazione quali regolatori in campo economico, politico, sociale e culturale. Ciò è dovuto al divario esistente tra l’ampiezza delle relazioni economiche e l’estensione della sovranità degli Stati, la quale fermandosi ai confini nazionali, è sottodimensionata rispetto alla globalità delle situazioni che dovrebbero regolare. In campo politico, paradossalmente, il processo di globalizzazione tende a valorizzare la dimensione locale che si pone come la dimensione privilegiata perché è in quel contesto che si combinano in modo efficace i fattori endogeni ed esogeni di sviluppo (Ercole 2004, 337). Come sostiene Ercole (ibi, 338) è a livello sub-statale che si strutturano le economie locali. Si assiste, perciò, ad «un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi