Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interpretazione dei processi di scelta nella Malattia di Parkinson

Questa tesina parte dalla considerazione che, pazienti con danni alla corteccia prefrontale ventromediale, da un lato non sono in grado di provare ed esprimere emozioni e dall’altro, risultano incapaci di mettere in atto scelte vantaggiose per sé e per gli altri, dal punto di vista clinico, si manifesta l’interesse per lo studio dei parkinsoniani, i quali, presentano sia disturbi frontali che incapacità di apprendere in compiti impliciti probabilistici, basati su relazioni stimolo-risposta. Infatti tali compiti risultano compromessi da un danno striatale della domamina [J.G. Peretta et al., 2005]. In particolare, Damasio, giunge a stabilire che l’incapacità decisionale dipende dalla possibilità di attivare il sistema dei marcatori somatici. L’ipotesi di questi ultimi si fonda, oltre che sui dati di natura clinica, sui risultati ottenuti utilizzando il paradigma dell’Iowa Gambling Task, che mette a confronto le conseguenze immediate e a lungo termine delle scelte decisionali. Utlizzando tale paradigma si ottiene: - che i soggetti normali, dopo essere stati inizialmente attratti dalla scelte immediatamente appetibili, riescono a spostare le loro preferenze verso quelle che risultano maggiormente profittevoli a lungo termine, mentre i pazienti con lesioni orbito frontali rimangono tenacemente attaccati alla loro scelte iniziali; - mentre entrambi i gruppi di partecipanti hanno delle risposte di conduttanza cutanea dopo aver fatto le loro scelte solo i normali sono in grado di produrre delle reazioni anticipatrici, cioè prima di effettuare una scelta che potrebbe rivelarsi svantaggiosa.
In sostanza, questo lavoro si configura come una prima interpretazone di carattere clinico sul rapporto fra Malattia di Parkinson e la comprensione dei processi di scelta nell’Iowa Gambling Task.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Presentazione Questo lavoro si configura come una prima interpretazone di carattere clinico sul rapporto fra Malattia di Parkinson e la comprensione dei processi di scelta nell’Iowa Gambling Task. Nel primo capitolo ho cercato di fare un inquadramento sintetico delle basi neuroanatomiche coinvolte nella Malattia di Parkinson e nelle sindromi parkinsoniane. Quindi sono passata alla trattazione dei disturbi cognitivi, quali funzioni esecutive, memoria, linguaggio e funzioni visuo-spaziali nella Malattia di Parkinson e nelle sindromi parkinsoniane. Nel terzo capitolo ho delineato la valutazione neuropsicologica standard nella Malattia di Parkinson. Nel quarto, viene esposto il quadro generale dei disturbi comportamentali nei parkinsoniani, dando maggior spazio ai disturbi del controllo degli impulsi come il gioco d’azzardo patologico. Nel quinto si riassume la relazione tra il paradigma Iowa Gambling Task e la Malattia di Parkinson. Infine il sesto, vuole essere uno studio su emotional decision making dei pazienti con disturbi frontali, come nella Malattia di Parkinson.

Tesi di Master

Autore: Sara Finotto Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2218 click dal 23/01/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.