Skip to content

L'ape, l'insetto invisibile, sensore viaggiante dell'inquinamento ambientale

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Dimauro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Giuseppina Ines Togna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Il mondo delle api, si intreccia con quello dell'uomo sin dal momento in cui questo ha fatto la sua comparsa sulla terra, e da allora gli esseri umani hanno potuto godere del dolce miele anticamente chiamato"nettare degli dei".
In generale, il continuo contatto con questo piccolo insetto ha incuriosito chi, apicoltore per professione, ha fatto dell'allevamento delle api una fonte di studio, raccogliendo, nel tempo, documentazioni dettagliate sulla straordinaria società delle api e l'incredibile beneficio che esse apportano all'ambiente, grazie al loro incessante ed "invisibile" lavoro di impollinazione.
La natura e l'agricoltura non potrebbero fare a meno dell'ape, dal momento che sono tante le specie vegetali che hanno bisogno del suo volo per trasportare i pollini e favorire la biodiversità dell'ecosistema.Nell'ultimo secolo l'avanzare galoppante dell'urbanizazzione e di conseguenza dell'industrializzazione e al bisogno irrefrenabile dell'uomo di controllare i processi della natura a proprio vantaggio, ha provocato un inevitabile stato di inquinamento generalizzato che oltre a causare un peggioramento della qualità della vita e dello stato di salute dell'uomo, ha fortemente coinvolto e condizionato la vita delle api che si sono dimostrate estremamente sensibili ad esso.
Per questo ed altri motivi (facilità di allevamento, elevato numero di soggetti presenti in una colonia, sorprendente capacità di riproduzione dell'ape regina), l'Apis mellifera è risultata valido bioindicatore per la valutazione dell'impatto ambientale da parte di inquinanti.
Si evidenzia, nel lavoro, come le limitate dimensioni del corpo e la fitta peluria che ricopre l'ape, rende l'insetto un vettore/recettore di diversi contaminanti ambientali come i gas delle auto, metalli pesanti provenienti dalla lavorazione di diversi tipi di industrie come pure i farmaci usati in agricoltura o addirittura in apicoltura.
Una volta entrati nell'arnia attraverso l'insetto, queste sostanze possono compromettere la sopravvivenza dell'intera colonia e possono provocare la contaminazione di tutti i prodotti destinati al consumo alimentare o per scopi curativi: il miele. il polline, la pappa reale, la propoli, la cera.
Questo lavoro nasce da un'esperienza personale: la vicinanza diretta con la realtà dell'apicoltura e la passione tramandata da diverse generazioni hanno suscitato in me l'interesse nel voler approfondire aspetti biologici ed ecologici che permettessero di individuare i punti critici ed inquadrare le problematiche che oggi sono causa del declino e delle difficoltà dell'apicoltura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’ape, l’insetto “invisibile”, sensore viaggiante dell’inquinamento ambientale INTRODUZIONE Nel presente lavoro viene presentata la possibilità di monitorare l’ambiente, mediante l’impiego delle potenzialità e attitudini delle api come sensori viaggianti dell’inquina- mento ambientale. Il mondo delle api, si intreccia con quello dell’uomo sin dal momento in cui questo ha fatto la sua comparsa sulla terra, e da allora gli esseri umani hanno potuto godere del dolce miele, anticamente chiamato “nettare degli dei”. La predisposizione delle api ad insediarsi all’interno di cavità naturali chiuse, come i tronchi degli alberi, ha indotto l’uomo a creare delle apposite strutture in legno, le arnie, che permettessero di custodire gli sciami, in cambio del prezioso nettare; dando origine ad una pratica di allevamento che si sarebbe rivelata proficua sia per l’ambiente, sia per l’allevatore: l’apicoltura. In generale, il continuo contatto con questo piccolo insetto ha incuriosito chi, apicoltore per professione, ha fatto dell’allevamento delle api una fonte di studio, raccogliendo, nel tempo, documentazioni dettagliate sulla straordinaria società delle api e l’incredibile beneficio che esse apportano all’ambiente, grazie al loro incessante ed “invisibile” lavoro di impollinazione. La natura, così come l’agricoltura, non potrebbero fare a meno dell’ape, dal momento che sono tante le specie vegetali che hanno bisogno del suo volo per trasportare i gameti maschili ai fiori di un’altra pianta e favorire la biodiversità dell’ecosistema. Nell’ultimo secolo, l’avanzare galoppante dell’industrializzazione, dovuto ad un aumento dell’urbanizzazione ed al bisogno irrefrenabile dell’uomo di controllare i processi della natura a proprio vantaggio, ha provocato un’inevitabile stato di inquinamento generalizzato e, conseguentemente, profonde alterazioni nell’equilibrio degli ecosistemi. Oltre a causare un peggioramento della qualità della vita e dello stato di salute dell’uomo, l’inquinamento ambientale ha fortemente coinvolto e condizionato la vita delle api che si sono dimostrate estremamente sensibili ad esso. Per questo ed altri motivi (facilità di allevamento, elevato numero di soggetti presenti in una sola famiglia, sorprendente capacità di riproduzione dell’ape regina), l’Apis mellifera è risultata valido bioindicatore per al valutazione dell’ impatto ambientale da parte di inquinanti. Si evidenzia, nel lavoro, come le limitate dimensioni del corpo e la fitta peluria che ricopre l’ape, rende l’insetto un vettore/recettore di diversi contaminanti ambientali. Questi contaminanti possono essere i gas emessi dalle auto, i metalli pesanti provenienti dalle lavorazioni di diversi tipi di industrie come pure i farmaci utilizzati in agricoltura o addirittura in apicoltura. Una volta entrati nell’arnia attraverso l’insetto, queste sostanze possono compromettere la sopravvivenza dell’intera colonia e possono provocare la contaminazione di tutti i prodotti destinati al consumo alimentare o per scopi curativi: il miele, il polline, la pappa reale, la propoli, la cera. Questo lavoro nasce da un’esperienza personale: la vicinanza diretta con la realtà dell’apicoltura e la passione tramandata da diverse generazioni hanno suscitato in me l’interesse nel voler approfondire aspetti biologici ed ecologici che permettessero di individuare i punti critici ed inquadrare le problematiche che oggi sono causa del declino e delle difficoltà dell’apicoltura. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alveare
ape operaia
ape regina
arnia da osservazione
covata
danza
fenomeno della sparizione
feromoni
fitofarmaci
imidacloprid
impollinazione
inquinamento ambientale
insetto invisibile
metalli pesanti
microincapsulati
miele
monitoraggio
moria anomala
neonicotinoidi
polline
propoli
residui
salvaguardia dell'ambiente
sensore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi