Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fra Ginepro da Pompeiana: un frate nella Repubblica Sociale Italiana

La biografia di un cappuccino nazionalista che partì volontario per le guerre del fascismo, fu fatto prigioniero e successivamente aderì alla RSI. Sempre riottoso ai richiami delle gerarchie ecclesiastiche si contraddistinse per la sua enorme vocazione alla pubblicazione che lo rese uno dei più prolifici testimoni dei militi fascisti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il presente lavoro nasce dall'esigenza di indagare su aspetti della Repubblica sociale non ancora sufficientemente presi in considerazione dalla pur ampia storiografia su questo periodo. Non mancano pubblicazioni esaurienti sui rapporti tra Chiesa e fascismo. Ultimamente, poi, sono stati editi dettagliati e ben documentati lavori riguardo al ruolo svolto dal clero castrense durante il regime e la Repubblica sociale. Lo stesso De Felice, in "Mussolini l'alleato 1 ", aveva evidenziato quanto fosse importante un'indagine approfondita sull'operato dei cappellani militari, i quali, condividendone le esperienze al fronte, costituirono uno dei più importanti punti di riferimento per i soldati italiani impegnati nelle guerre fasciste. In questo lavoro si è considerato il percorso di fra Ginepro da Pompeiana, cappellano militare in Africa Orientale e nella seconda guerra mondiale, figura particolarmente interessante per aver vissuto direttamente e passionalmente le varie fortune della politica mussoliniana. Fu un personaggio molto popolare, messo in risalto dalla propaganda della Repubblica sociale e stranamente obliato con la fine della guerra. Al fine di recuperare il materiale necessario per questo lavoro, in primo luogo è stata contattata l'associazione genovese "Amici di fra Ginepro", testimonianza del largo seguito di questo cappuccino ligure tra i reduci repubblicani nel dopoguerra. Qui abbiamo potuto recuperare, soprattutto grazie alla disponibilità di Pierfranco Malfettani, pubblicazioni altrimenti introvabili. 1 Cfr. R. De Felice, Mussolini e l'alleato, Torino, Einaudi, 1990, pag. 710.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Acito Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4357 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.