Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Governance multilivello per lo sviluppo dello spazio euro-mediterraneo. La cooperazione decentrata nella Comunità Autonoma di Catalogna.

L'obiettivo della tesi è lo studio della cooperazione per lo sviluppo compiuta dagli enti locali e dalle regioni dell'Unione Europea, in particolare per quel che riguarda l'area del Mediterraneo. Il caso preso in considerazione, attraverso anche una serie di interviste ottenute sul campo dai funzionari delle organizzazioni attive sul territorio, è quello della Catalogna. La regione spagnola è infatti attiva da decenni nell'ambito della cooperazione internazionale, in particolare per quel che riguarda il Mediterraneo. La capitale catalana Barcellona - attraverso il processo euroMed - aspira infatti a divenire capitale culturale, oltre che economica e politica di quest'area.

Mostra/Nascondi contenuto.
  5 Introduzione  Lo spazio mediterraneo condensa dentro di sé buona parte delle grandi sfide dell'agenda internazionale. Aspetti come la sicurezza, la prevenzione, la gestione e la risoluzione dei conflitti, l'immigrazione, lo sviluppo sostenibile, la lotta contro la povertà, l'urbanizzazione, il dislivello demografico tra le rive Nord e Sud, la gestione delle risorse naturali e dell'acqua o la diversità culturale e religiosa sono qui presenti con grande forza ed intensità. Senza dubbio, tale concentrazione di sfide non è stata sempre accompagnata da quadri di dialogo istituzionale efficaci. In un momento nel quale le politiche estere e gli strumenti classici della cooperazione hanno evidenziato i propri limiti per operare nella zona, sembra opportuno riflettere sul ruolo della cooperazione decentrata pubblica e privata promossa dai governi locali e regionali e da associazioni ed organizzazioni con e senza scopo di lucro. Negli ultimi anni, le collettività territoriali sono entrate con forza nel complesso quadro delle relazioni internazionali come attori necessari e complementari al lavoro tradizionalmente sviluppato da Stati ed organizzazioni internazionali. Nel Mediterraneo, la crescente partecipazione di regioni, province e comuni, in particolare spagnoli, ma anche francesi ed italiani, nella cooperazione internazionale ha una importanza particolarmente rilevante, benché non sia sempre stata sufficientemente riconosciuta ed appoggiata dalle pertinenti istituzioni europee e mediterranee. In questo spazio di cooperazione si uniscono due elementi chiave: il processo di integrazione regionale nell'ambito europeo e la promozione di uno spazio comune nel Mediterraneo, che hanno dato impulso ad una pluralità di azioni nelle quali i governi locali hanno promosso azioni molto rilevanti e con una agenda dal marcato accento politico. Il presente lavoro ha come primo obiettivo presentare i principi fondamentali sui quali si basa in Europa ed in Spagna la cooperazione decentrata pubblica, propria dei governi locali e la sua applicazione nella regione euromediterranea, analizzandone l'evoluzione ed il riconoscimento. Lo studio si concentrerà successivamente sulla cooperazione decentrata per lo sviluppo dell'area del Mediterraneo promosso dagli attori istituzionali

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Bafundi Contatta »

Composta da 303 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1524 click dal 21/01/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.