Skip to content

L'utilizzo del testimonial in pubblicità - Il caso Francesco Amadori: ''da imprenditore ad attore''

Informazioni tesi

  Autore: Mario Cappelluti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Marco Galdenzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Secondo molti studiosi della comunicazione di massa, la pubblicità può essere considerata a tutti gli effetti un “genere” comunicativo che ha raggiunto una sua autonomia e maturità espressiva, tanto che gli altri media, il cinema, la stessa televisione, i fumetti, la musica, sempre più frequentemente si ispirano ad essa, alla sua grammatica, alla sua sintassi, al suo linguaggio, ai suoi modelli e stilemi comunicativi, alle sue suggestioni. Da questo punto di vista c’è chi considera la pubblicità la “quintessenza” della testualità televisiva, per la sua capacità di fornire indizi narrativi, suggerire connotazioni e percorsi interpretativi, attivare riferimenti intertestuali attraverso un forte impatto emozionale, dovuto alla sapiente e consapevole organizzazione dei diversi registri (visivo, sonoro) utilizzati.
Accanto alla prospettiva cui sopra si è accennato, cioè della pubblicità ( e più in generale dei media) come potenti costruttori della realtà sociale, si è sviluppato, nella communication research, un interesse sempre più vivo verso l’analisi delle modalità di fruizione della stessa comunicazione da parte del pubblico. Da quelle analisi esso risulterebbe capace di una fruizione non passiva della pubblicità stessa, ma invece un’interprete competente del prodotto mediale. In questo contesto conviene ricordare che la pubblicità, proprio perché deve comunicare e farsi intendere da un pubblico vasto ed eterogeneo, è obbligata ad attingere ad un universo valoriale ed ideologico largamente condiviso. Ciò significa che difficilmente la pubblicità rappresenta situazioni sociali, interazioni e modelli di comportamento che non siano già in larga parte diffusi e consolidati nel contesto sociale in cui comunica. Nello specchio deformato e ridotto della pubblicità, in altri termini, noi possiamo cogliere ingranditi i tratti tipici della nostra società. In tal senso appare giusta l’osservazione che la pubblicità “ è una vetrina che funge da lente di in gradimento e da macchina della verità” , che svela dunque più di quanto riesca ad occultare. Si può quindi azzardare una valutazione anche positiva del linguaggio pubblicitario capace di far trapelare elementi significativi del nostro modo di vivere.
La semplicità e la persuasività del messaggio pubblicitario diventa così una carta vincente del messaggio stesso. Se a questo aggiungiamo la presenza sempre più frequente di un testimonial che si propone all’attenzione del consumatore come garante della qualità del prodotto otteniamo una pubblicità dalle grandi doti persuasive. Naturalmente la scelta del testimonial giusto per un prodotto o un tema sociale rilevante è fondamentale per riuscire ad ottenere il consenso di un pubblico sempre più attento a tutto ciò che i media propongono “in vetrina”.
La mia attenzione si concentrerà proprio sull’utilizzo degli endoser in pubblicità, su come sono nati e cambiati nel corso della storia, sulle loro diverse tipologie, sul perché utilizzare i testmonial, su cosa spinge il personaggio famoso a diventare testimonial, se questi sono per i pubblicitari croce o delizia, per giungere ad un’analisi dettagliata del Case History di una delle grandi aziende italiane, la Amadori, che ha fatto del suo imprenditore il testimonial d’eccellenza dei suoi prodotti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Scrivere una tesi sulla comunicazione pubblicitaria ha sempre affascinato il mio essere. Fascino che mi ha spinto a prendere questa decisione prima ancora che il mio corso di studi arrivasse a metà strada. Da sempre il mondo della comunicazione ha destato interesse nella mia persona e poter analizzare ora, con la maturità necessaria ed un bagaglio culturale ricco di conoscenze, quello che è il grande universo della comunicazione nella sua veste più quotidiana, la pubblicità, mi fornisce un’occasione probabilmente unica e riveste un significato molto particolare: è la conclusione di un cammino di studi importante, un traguardo della mia vita, una meta raggiunta dopo grandi sacrifici. Tutto questo con la consapevolezza che subito dopo un traguardo raggiunto, nuove sfide si aprono all’orizzonte. Nuove mete da raggiungere con un impegno, laddove possibile,se non uguale, maggiore del precedente. Certamente la pubblicità non è un fenomeno comunicativo semplice. Tutt’altro. Com’è stato osservato giustamente “la straordinaria complessità della pubblicità appare inversamente proporzionale alla sua apparente semplicità” 1 . 1 G. Fabris, La pubblicità. Teorie e prassi, Milano, F.Angeli, 1992

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

advertising
amadori
campagna pubblicitaria
comunicazione
pubblicità
pubblicità alimenti
pubblicità pollo amadori
tecniche pubblicitarie
testimonial
testimonial pubblicità
testualità televisione
uso testimonials

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi