Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il microcredito: un'invenzione semplice e rivoluzionaria

Il presente elaborato cerca di dare un'idea di cosa sia il microcredito creato dal premio nobel per la pace nel 2006 Yunus, come si sia sviluppato, sia nei paesi in via di sviluppo, sia nei paesi industrializzati. Riporta anche vari dati e tabelle che ne giustificano il funzionamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Si è parlato molto negli ultimi tempi di Microcredito (la definizione sta per erogazione di piccoli prestiti) . Ma cosa realmente è il microcredito? Dove è stato sperimentato la prima volta? Esiste un progetto simile al modello originale in Italia? Il microcredito è nato da un’intuizione di M. Yunus professore di economia in Bangladesh ed è definibile prima di tutto come una risposta alle attività dei maggiori istituti di credito mondiali e in particolare alla Banca Mondiale che, secondo lui, spesso spreca le risorse ed alimenta la corruzione. Alle grandi somme elargite dalle organizzazioni che non arrivano a chi ha realmente bisogno, Yunus risponde dal basso, prestando un piccolo credito ai poveri tra i più poveri, dando ad essi la possibilità di migliorare la propria condizione. Nasce così negli anni '70 il progetto Grameen che si trasformerà nel 1983 nella Banca Grameen “ la Banca villaggio”. Essa si discosta totalmente dalle banche normali, non fornisce contratti, non chiede garanzie e si basa esclusivamente sulla fiducia. Questo modello è stato successivamente esportato in tutto il mondo 1 , con risultati spesso sorprendenti. Nelle pagine successive sarà 1 Riporto a questo proposito alle pagg da 27 a 29 una tabella che mostra la diffusione del progetto nel mondo.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudia Loglisci Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2355 click dal 27/01/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.