Skip to content

Pensare per immagini. Riflessioni psicoanalitiche su ''Alice nel Paese delle Meraviglie'' e ''Attraverso lo Specchio''.

Informazioni tesi

  Autore: Manuela De Matteis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Enrico mangini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

La tesi propone un percorso concettuale a partire dai processi di percezione, punto di partenza per la formazione delle rappresentazioni interne,e dei meccanismi che in relazione a questi producono poi la visione.Visione connotata di aspetti proiettivi e simbolici personali e soggettivi che sfuma i propri confini nell’allucinatorio, considerato in questa tesi nella sua accezione positiva, come potenzialità dello psichismo e, analizzato a partire dai testi di “Alice nel paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo Specchio” scritti da Lewis Carroll.
Nei due testi sono descritte le avventure che la Alice, la protagonista, affronta nel “Mondo delle meraviglie” e nel "Mondo dello Specchio”, iniziando un percorso che rappresenterà la messa in discussione profonda della sua identità.
Il sogno di Alice si apre con la scena nella quale lei si è addormentata. Si trova adagiata sulla frasca di un albero in un giardino e, ad un tratto, vede il Coniglio Bianco che corre velocemente verso la piccola tana di un animale.Tana dalla quale inizieranno le sue vicende, ma in modo particolare rappresenta il punto di fusione della realtà con il sogno. Il percorso nel Mondo delle Meraviglie rappresenta un “tuffo” in un abisso onirico, all’interno del quale Alice si trova ad affrontare una realtà dove le regole convenzionali non valgono. Lo stesso Carroll, nella poesia finale, scioglie ogni dubbio affermando:
“life, what is but a dream?”. Attraverso questa espressione, l’Autore sancisce la relazione stretta tra il reale e l’onirico, tra le regole convenzionali presenti nella vita e quella che viviamo attraverso il sogno diverse proprio perchè nel sogno i contenuti sono estratti dall’inconscio. Alla luce delle premesse fatte il non sense di cui sono sature le avventure di Alice è la vera condizione umana e la ricerca del senso delle cose diviene un’impresa impossibile quanto superflua.
Insieme al concetto di percezione viene approfondito il tema della mitopoiesi. Il mito è un’espressione del pensiero nella quale il fulcro non è né il soggetto, né l’oggetto. Si colloca in uno spazio intermedio tra questi e la cui valenza conoscitiva è importante per cogliere la complessità della relazione tra i due.
La ricerca iconica, nel proprio modo di organizzare il pensiero, è un passo fondamentale verso la pensabilità è il modo più economico per organizzare e ordinare il mondo, proprio per la sua immediatezza. La percezione visiva ha una sua peculiare modalità di “configurazione all’istante” di singoli stimoli fisico-emotivi provenienti dal reale, secondo linee di forza privilegiate e soggettive rispetto ciascuno.
Il percorso intrapreso da Alice offre un importante esempio del ruolo assunto dalla formazione dell’immagine in qualità di esperienza psichica ed estetica. Il Mondo delle Meraviglie e il Mondo dello Specchio allucinato da Alice, rappresentano una modalità, nella fattispecie quella di Carroll, di organizzare dei simboli. I personaggi e i luoghi, fungono sia da contenuto che da contenitore di significati partoriti dalla mente dell’autore, che traggono la loro origine nell’esperire autentico nel mondo reale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Freud afferma, nel Compendio di psicoanalisi, che “il reale rimarrà per sempre inconoscibile” e che l’uomo potrà avvicinarcisi e conoscerne solo le emanazioni, le qualità esposte sulla sua superficie, le proprietà dinamiche che gli appartengono nel suo continuo evolversi, riflettendosi su di lui come fenomeni. Ci troviamo di fronte al noumeno Kantiano, all’impossibilità di cogliere fino in fondo l’essenza di ciò che abbiamo di fronte, della realtà che stiamo vivendo, assumendo la sua esistenza a priori. Il Capitolo Primo presenta il tema della percezione indagando i processi di poiesi e di mitopoiesi che la originano. Ho approfondito i processi di pensiero, che necessitano, per acquisire una propria funzionale indipendenza dalla percezione, di un passaggio attraverso le rappresentazioni di parola e i loro residui percettivi nel sistema preconscio, permettendo all’immagine di ottenere una sua pensabilità. La percezione opera, secondo Freud, non tanto in funzione di un principio di realtà falsamente oggettivo, quanto in funzione del principio di piacere, sotto le false spoglie di un principio di realtà. Questa conversione ha origine nel problema della percezione; strettamente dipendente dai limiti degli organi di senso e propri del pensiero stesso. La nozione di rappresentazione assume, negli scritti di Freud, sia il senso di ripetizione psichica di una percezione esterna, che quello più sofisticato di delegazione: il rappresentante psichico della pulsione [C. e S. Botella, 2001]. Diviene importante, a questo punto della riflessione, sottolineare il valore dell’interpretazione come origine del senso delle cose. Le informazioni che assimiliamo non sono connotate di qualità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi