Skip to content

L'identità femminile nel cinema di Antonio Pietrangeli, tra film e immagini pubblicitarie

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Guella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Roberto Della Torre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

Un'accurata analisi del rapporto tra la rappresentazione dell'identità femminile proposta da Antonio Pietrangeli, regista insolito e ingiustamente dimenticato, e la raffigurazione della corporeità femminile nei materiali pubblicitari cartacei legati ai suoi film. La tesi presenta una contestualizzazione storica dell'emancipazione femminile dal secondo dopoguerra alla fine degli anni Sessanta e un excursus sulla storia del manifesto pubblicitario cinematografico. Segue una completa biografia di Antonio Pietrangeli, nata dalla consultazione di varie fonti, e un profilo della sua attività di regista, dagli inizio neorealistici alle sue commedie all'italiana atipiche, seppur sempre perfettamente in linea col genere. Per ognuno dei suoi dieci lungometraggi viene proposta una sinossi completa, un'analisi del film con particolare attenzione al ruolo delle donne, sempre fondamentali nei suoi ritratti al femminile, e una comparazione con la raffigurazione dell'identità femminile nei materiali pubblicitari legati al lungometraggio. Dall'analisi di due temi trascurati (l'attività registica di Antonio Pietrangeli e lo studio di matrice sociologica delle immagini promozionali) emergono conclusioni interessanti ed inaspettate, che permettono di gettare uno sguardo sul peculiare ruolo della donna nella società dell'epoca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi ha lo scopo, innanzitutto, di trattare due “dimenticanze”, due grandi assenti nella memoria collettiva artistica italiana: l’arte dei cartellonisti cinematografici e l’opera filmografica di Antonio Pietrangeli. Per quanto riguarda la pubblicità cinematografica, oggi l’arte dei cartellonisti ha un ruolo del tutto marginale, soppiantata dall’uso della computer graphic e di mezzi di promozione adatti ai moderni mass-media (principalmente la televisione e Internet), che richiedono strategie nuove. E’ però sorprendente come la totale perdita di ruolo dei cartellonisti nelle campagne pubblicitarie cinematografiche abbia avuto effetto retroattivo. Oggi, per lo più, i grandi artisti del manifesto sono considerati mestieranti completamente assoggettati alle indicazioni delle case di produzione e distribuzione, semplici esecutori. Oggi nomi come Leopoldo Metlicovitz, Anselmo Ballester, Ercole Brini, Silvano Campeggi, Renato Casaro, Angelo Cesselon, Averardo Ciriello, Marcello Colizzi, Enrico De Seta, Rodolfo Gasparri, Piero Ermanno Iaia, Carlantonio Longi, Dante Manno, Acerbo Manfredo, Luigi Martinati, Enzo e Giuliano Nistri, Arnaldo Putzu, Nicola Simbari, Sandro Symeoni e tanti altri (per rimanere legati alle illustrazioni promozionali cinematografiche, la pubblicità in senso lato richiederebbe una trattazione ancora più ampia) dicono poco e niente anche a chi si interessa di cinema. Eppure, per decenni, l’opera di questi artisti ha fatto sognare e desiderare milioni di italiani: erano loro che componevano manifesti, locandine, fotobuste, tutto il corredo pubblicitario che accompagnava un film nelle sale, e che attirava gli spettatori alla proiezione. Evitare la visione di questi materiali era impossibile: occhieggiavano da ogni angolo di strada, attiravano con i loro colori accesi lo sguardo dei passanti. Molte volte, se si sceglieva di non assistere alla proiezione della pellicola nella buia sala cinematografica, la visione di manifesti, locandine e fotobuste poteva costituire il solo ricordo di un film. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adua e le compagne
antonio pietrangeli
cinematografica
cinquanta
come, quando, perché
commedia all'italiana
donna
emancipazione
fantasmi a roma
il magnifico cornuto
il sole negli occhi
io la conoscevo bene
la parmigiana
la visita
lo scapolo
locandine
manifesti
nata di marzo
neorealismo
poster
pubblicità
ruolo della donna
sessanta
souvenir d'italie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi