Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Questioni sulla critica teatrale - Saggio breve su annose diatribe

Partendo dalla breve storia (o da una possibile storia) della critica teatrale in Italia, il saggio pone in discussione le possibili alternative - alla luce anche degli aspetti peculiari del teatro italiano contemporaneo - ad una critica propriamente detta, mettendo un ulteriore accento sull'ipotesi di una "scienza dei teatri".

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa. Il tema che si cercherà di sviluppare, trova spunto da un serie di trattati che spaziano sia per campi disciplinari (semiotica, semiologia del teatro, analisi testuale, teoria di analisi degli spettacoli, storia critica teatrale, storia del teatro, ecc.) che per oggetti di studio (il testo, la messa in scena, l’attore, la regia, ecc. a teatro). Su questa base, si andrà alla ricerca di un possibile filo rosso che lega le varie discipline che si sono e si interessano, direttamente o indirettamente, dello studio e dell’analisi dell’“oggetto teatro”. Si utilizzerà l’accezione estrema – più veritiera e reale – di “teatro”, intendendo per questo non solo una messinscena entro un edificio istitizionale quale può essere l’edificio teatrale, ma anche ogni evento che assume, sia nelle premesse che nel suo svilupparsi e realizzarsi, le caratteristiche proprie di “evento spettacolare”, che rientri esso nel teatro propriamente detto o nel mimo o nella danza e via dicendo. Questa scelta, però, pone due questioni importanti, se non addirittura “pericolose”: in primo luogo, l’allargamento del campo dell’oggetto di studio che può condurre ad un disorientamento; in secondo luogo, la difficoltà, consequenziale, di mantenere il riferimento principale senza trascendere nella specificità di ogni singola pratica spettacolare. Come si vedrà, proprio queste due questioni saranno la base di una conclusione che, allo stato attuale degli studi, potrà sembrare allarmante, ma, in fondo, non è altro che la conferma della validità di certe intuizioni presenti in critici, teorici e pedagoghi di mezzo secolo fa e forse più. È il ripetersi della storia, quella stessa 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Salvatore Tagliavia Contatta »

Composta da 14 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1124 click dal 29/01/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.