Skip to content

Sinestesie metropolitane. Il videoclip, la fabbrica delle icone.

Informazioni tesi

  Autore: Simona Saraceno
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Daniele Pittèri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

Nel suo saggio A Gossip on Romance, Robert Louis Stevenson ha scritto: “Questa è dunque la parte plastica della letteratura: incarnare un personaggio, un pensiero o un’emozione in un atto o in un atteggiamento che colpisca profondamente l’occhio della mente”, citando l’indietreggiare di Robinson Crusoe davanti a un’orma.
Parafrasando il grande scrittore scozzese, crediamo di poter attribuire al videoclip la medesima funzione plastica: dare vita a una visione che riesca a colpire l’occhio della mente del consumatore in maniera profonda e duratura. Restituire dunque al performer il corpo, l'immagine, l'essenza stessa, caricandoli di senso fino a renderlo icona, marchio, brand.
Intendiamo a questo proposito assumere una prospettiva concettuale tesa a superare la dimensione un po' manichea entro la quale le analisi sul video sono state condotte fino a questo momento, che ha visto contrapporsi due precisi orientamenti: l'uno, prevalente nella prima fase degli studi sul videoclip, improntato allo scetticismo nei confronti di un oggetto dalle origini ibride e la cui vocazione commerciale non poteva che comprometterne la qualità, nonché il destino; l'altro, più recente, che alla luce delle evoluzioni estetiche e di un'affermazione non più discutibile di questo prodotto ne recupera il valore artistico, esplorandone le caratteristiche espressive. Si vuole andare oltre questa opposizione, proprio attraverso la chiave di lettura che entrambi questi approcci, per motivi diversi, rigettano: quella promozionale. Lontano dalla posizione di chi vede nelle sue intenzioni commerciali uno svilimento della forma, questo lavoro si propone invece di avvicinarsi al suo oggetto proprio secondo questa logica.
D'altro canto, la natura sostanzialmente pubblicitaria del video ci spinge ad interrogarci su quale sia il suo ruolo tra i modelli della comunicazione contemporanea; essa si nutre della specificità testuale del clip facendo delle sue caratteristiche precipue punti di forza in senso promozionale; ma l'indagine sulle ragioni di questa forza offre spunti interessanti anche sotto nuove angolazioni, consentendoci di procedere ad un ulteriore livello di approfondimento.
Messaggio sintetico e forma breve fondata sul visuale, il videoclip si radica fortemente nei flussi culturali contemporanei sia sul piano formale sia su quello sostanziale: la brevità, infatti, appare quasi come il filo che riconduce ad unità l'eterogeneo tessuto delle culture contemporanee, i cui contenuti, modelli e valori sembrano concepiti appositamente per una trasmissione rapida. Inoltre, il video si configura come vera e propria modalità comunicativa per un pubblico di riferimento chiaramente identificato, rispetto al quale, da ultimo, si costituisce come territorio di articolazione di modelli di comportamento e, quindi, di consumo.
Infine, il videoclip si caratterizza come un spazio ideale di contaminazione tra i diversi idiomi della cultura del nostro tempo. Esso costruisce la propria identità di strumento comunicativo percorrendo le linee di confine con gli altri linguaggi della contemporaneità, attingendone tecniche, stimoli e oggetti per poi riformularli secondo le forme che gli sono proprie.
Prodotto esso stesso dell'industria culturale, il videoclip la introietta e la rilancia, ne veicola i contenuti e li ritrasmette, essendone al contempo, inevitabilmente, condizionato; diviene, in un certo senso, uno dei dispositivi attraverso i quali la nostra cultura afferma la propria autoreferenzialità. Circolarmente, da questa posizione esso attinge il suo potenziale commerciale; ma, come avviene per la pubblicità tradizionalmente intesa, il messaggio si proietta ben oltre la merce, per trasformarsi, in definitiva, in valore culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE Nell'iter formativo di uno studente universitario la tesi di laurea rappresenta pressoché l'unico esercizio compiuto di scrittura. Ma è anche un percorso individuale, diario (a tratti accidentale) dell'avvicendarsi di idee, confronti e intuizioni. Nella speranza di aver argomentato in maniera autosufficiente le ipotesi proposte in questo lavoro, ho voluto riservarmi questo spazio per accantonare momentaneamente la prospettiva analitica ed esprimere alcune considerazioni "in vivavoce" proprio sugli aspetti personali di questa esperienza. Alla tesi ci si avvicina inizialmente con distacco, quasi con freddezza, un po' per timore, un po' per una forma di cautela che spinge a mortificare qualsiasi aspirazione teorica. Tuttavia, man mano che si procede, quando la si vede prendere forma e progressivamente esibire quell'ideale coerenza in cui sin dal principio si era identificato l'approdo finale, si comincia a sentirla realmente come la propria creatura. Ancor prima di questo momento, però, vi è un altro passaggio cruciale, quello imprevisto, incontrollato, in cui si transita dall'horror vacui della pagina bianca alla tempesta concettuale in cui ogni idea appare utile, pertinente, necessaria e tuttavia stenta a trovare una collocazione. È colpa del pensiero associativo, direbbe Franco Battiato; la semiosi illimitata è il démone dello scrittore inesperto, i concetti iniziano a somigliare ad una materia plastica informe, da modellare e ordinare nell'intento di costruire un'impalcatura teorica, e pagina dopo pagina provare l'appagamento di verificarne la robustezza. Per arrivarci occorre acquisire un metodo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi