Skip to content

Una lettura metaforica della realtà aziendale tra i vizi capitali dei manager

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Bidoggia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing e Comunicazione
  Relatore: Angelo Bonfanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

“Guidano con coraggio imprese grandi e piccole, sforzandosi di renderle innovative e in grado di affrontare la concorrenza del mercato globale. Ma qualche difettuccio nel cassetto ce l’hanno pure loro ”.
Da questa frase è nata l’idea di questa tesi, che ha per oggetto l’analisi della figura manageriale attraverso una chiave di lettura metaforica. In particolare, attraverso i vizi capitali si è deciso di analizzare il profilo dei manager partendo dal presupposto che un executive sia prima di tutto un uomo, e come tale soggetto a errori, diversamente dallo stereotipo della perfezione e dell’impeccabilità con cui si può essere abituati a immaginarlo, considerando anche che si parla di imperfezione manageriale.
L’obiettivo del lavoro è riflettere su alcune tematiche basilari per il mondo aziendale e contestualizzare gli atteggiamenti e le situazioni più frequenti vissute da un manager nell’esercizio della propria attività professionale.
Lo spunto principale è stato dato dalla lettura di un libro di due autori che, vivendo quotidianamente a stretto contatto con temi manageriali , hanno potuto redigere sette diversi profili di executive, e che attraverso la formula espressiva del racconto sono riusciti a focalizzare l’attenzione su un particolare aspetto di ognuno dei protagonisti che potesse richiamare un vizio capitale in particolare.
Nel primo capitolo della trattazione si andranno ad approfondire, storicamente e strutturalmente, l’evoluzione e le caratteristiche fondamentali della figura manageriale; si passeranno in rassegna gli autori più rilevanti nella storia del management che si sono occupati della definizione del profilo professionale dell’executive e si esamineranno analiticamente le qualità indispensabili per lo svolgimento dell’attività, ovvero la managerialità, l’imprenditorialità e la leadership.
La metodologia utilizzata per lo svolgimento del tema è quella di trovare innanzitutto delle connessioni logiche plausibili per mettere in relazione il singolo peccato capitale con la realtà quotidiana del manager, analizzando dunque l’aspetto negativo che si rileva nei comportamenti o negli atteggiamenti di tale soggetto. Lo sforzo maggiore che si sosterrà sarà però quello di trovare delle forme di espressione positiva di ogni vizio, che in via generale per tutti si basa sulla giusta dose di emozioni (che nel loro eccesso portano invece a commettere peccato).
All’interno del secondo capitolo si andranno a sviscerare, paragrafo per paragrafo, alcuni degli aspetti più rilevanti che avvicinano la vita quotidiana di un manager alla commissione del singolo peccato capitale. La metodologia con la quale si va ad affrontare la tematica è, in primo luogo, la definizione storica e sociologica di ogni vizio, seguita dalla rilevazione dei comportamenti manageriali nell’ottica di chi commette il peccato, per poi descrivere l’espressione in positivo dello stesso, ovvero il caso in cui esso possa arrivare ad essere considerato come una virtù più che come vizio.
Per avere un feedback sulla teorizzazione del secondo capitolo si è deciso, nel terzo, di sottoporre a quattro manager un questionario, creato allo scopo di rivelare quale vizio fosse più frequentemente da essi commesso.
Si è scelto di rappresentare la carriera lavorativa di quattro executive come in un’ideale parabola, in tre fasi ben precise, ovvero di quella iniziale, di quella all’apice del successo e di quella al termine della carriera. Inoltre, si è deciso di delineare il profilo manageriale di una donna, che nel caso specifico risulta essere l’unica nel proprio contesto aziendale e per questo ancora più rappresentativa della categoria a cui appartiene.
I risultati del questionario si andranno a relazionare con quelli di un sondaggio commissionato dalla rivista Economy a ManagerItalia, l’associazione dei dirigenti del terziario, che ha rilevato quali fossero i vizi più frequentemente commessi da parte dei manager e quali fossero ritenuti addirittura come virtù.
Il campione scelto non dà sicuramente adito ad una ricerca di tipo empirico, ma ha comunque rilevato delle concordanze con i risultati delle ricerche scientifiche condotte precedentemente sul tema e ha sicuramente permesso di accertare una certa coerenza tra la teorizzazione ad oggetto della trattazione e la realtà aziendale che si è andata ad indagare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE “Guidano con coraggio imprese grandi e piccole, sforzandosi di renderle innovative e in grado di affrontare la concorrenza del mercato globale. Ma qualche difettuccio nel cassetto ce l‟hanno pure loro1”. Da questa frase è nata l‟idea di questa tesi, che ha per oggetto l‟analisi della figura manageriale attraverso una chiave di lettura metaforica. In particolare, attraverso i vizi capitali si è deciso di analizzare il profilo dei manager partendo dal presupposto che un executive sia prima di tutto un uomo, e come tale soggetto a errori, diversamente dallo stereotipo della perfezione e dell‟impeccabilità con cui si può essere abituati a immaginarlo, considerando anche che si parla di imperfezione manageriale. L‟obiettivo del lavoro è riflettere su alcune tematiche basilari per il mondo aziendale e contestualizzare gli atteggiamenti e le situazioni più frequenti vissute da un manager nell‟esercizio della propria attività professionale. Lo spunto principale è stato dato dalla lettura di un libro2 di due autori che, vivendo quotidianamente a stretto contatto con temi manageriali3, hanno potuto redigere sette diversi profili di executive, e che attraverso la formula espressiva del racconto sono riusciti a focalizzare l‟attenzione su un particolare aspetto di ognuno dei protagonisti che potesse richiamare un vizio capitale in particolare. 1 Cfr. ANZANI NADIA, Scoprite di che peccato siete, Economy, n°9, 2007. 2 GONNELLI MARTINO, SCORTEGAGNA CHIARA, Sette + 1- I vizi capitali del manager, Sperling & Kupfer Editori SpA, Milano, 2007. 3 Entrambi gli Autori sono fondatori della società di formazione e consulenza AdHocManagement. Gonnelli si occupa della parte creativa e dei progetti Business Tv, Chiara Scortegagna è preposta allo sviluppo di progetti manageriali e ai rapporti con i grandi clienti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
re[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accidia
aggressività
autostima
avarizia
azienda
creatività
gola
hybris
imprenditorialità
invidia
ira
leadership
lussuria
manager
managerialità
mintzberg
stress
superbia
team-work
tempo
test
valori
vizi capitali
vizi capitali del manager

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi