Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Critiche ed alternative al modello dominante della globalizzazione neoliberista

In questa tesi viene analizzata la nascita della scuola di pensiero del neoliberismo, i suoi caratteri e le sue gravi responsabilità storiche. Viene analizzata l'evoluzione del sistema economico mondiale che raggiunge l'apice nella globalizzazione e nel capitalismo selvaggio delle multinazionali che hanno preso in ostaggio la politica, con tutte le sue incoerenze e false promesse; le varie crisi che ha provocato nel mondo e i disastri ambientali, sociali e finanziari. Infine viene presentato il mondo no-global, le sue componenti, le sue battaglie e le sue rivendicazioni; i suoi punti forti e i suoi punti deboli. Al termine di tutto vengono avanzate delle proposte e delle alternative per modificare il sistema economico-politico vigente a livello mondiale, per renderlo più equo e giusto.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Negli ultimi decenni, il progressivo intensificarsi di relazioni e connessioni tra soggetti internazionali, sistemi politici e modelli economici ha causato una maggiore interdipendenza tra società e culture. Ogni evento locale degno di nota assume una rilevanza su scala mondiale e provoca delle conseguenze che interessano contemporaneamente realtà lontane, eterogenee, talvolta molto diverse tra loro ma spesso legate da interessi e destini comuni. Agli inizi degli anni ottanta, per definire questo processo ed ogni sua implicazione, è stato coniato il termine “globalizzazione”. Molti ritengono che questo fenomeno racchiuda in sé le soluzioni per risolvere le crisi più incombenti del nostro pianeta; altri, al contrario, sono certi che rappresenti la causa del declino verso un mondo cinico e disciplinato da regole ingiuste che l’umanità non può e non deve accettare. Il sociologo tedesco Ulrich Beck, per evitare di ricondurre ad una sola parola, delle realtà concettualmente diverse tra loro, attua una distinzione importante tra le nozioni di “globalità”, “globalismo” e “globalizzazione” 1 . 1 Beck, U. (1999), Che cos'è la globalizzazione. Rischi e prospettive della società planetaria, Carocci Editore, Roma.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marko Hromis Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3412 click dal 10/02/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.