Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’annullamento dell’aggiudicazione nelle procedure ad evidenza pubblica: effetti sul contratto

La problematica in questione attiene alle conseguenze che l’annullamento dell’aggiudicazione, uno degli atti della cosiddetta fase «ad evidenza pubblica» produce sul contratto d’appalto eventualmente già stipulato.
Il tema degli effetti dell’annullamento dell’aggiudicazione sul contratto è oggetto di denso dibattito, tanto in dottrina quanto in giurisprudenza, ponendosi per sua natura sul crinale che separa i due apparentemente contrapposti versanti del diritto pubblico e del diritto privato.
Dottrina e giurisprudenza hanno sostenuto, in merito, diverse teorie: dall’annullabilità, alla nullità o alla mera inefficacia del contratto.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo lavoro si propone di affrontare uno dei maggiori nodi problematici dell’istituto del contratto d’appalto di opere pubbliche. La problematica in questione attiene alle conseguenze che l’annullamento dell’aggiudicazione, uno degli atti della cosiddetta fase «ad evidenza pubblica» produce sul contratto d’appalto eventualmente già stipulato. Il tema degli effetti dell’annullamento dell’aggiudicazione sul contratto è oggetto di denso dibattito, tanto in dottrina quanto in giurisprudenza, ponendosi per sua natura sul crinale che separa i due apparentemente contrapposti versanti del diritto pubblico e del diritto privato; e che, come dimostra l’esperienza giurisprudenziale, può essere affrontato con più di un’impostazione, conducendo a più risultati. Dottrina e giurisprudenza hanno sostenuto, in merito, diverse teorie: dall’annullabilità, alla nullità o alla mera inefficacia del contratto. Il problema è tutt'ora aperto, essendosi la giurisprudenza della Corte di Cassazione tradizionalmente assestata su posizioni tendenti a privilegiare la tesi dell’annullabilità, dichiarabile ad iniziativa della sola pubblica amministrazione, mentre il Consiglio di Stato ha prevalentemente condiviso l’opposta soluzione della radicale nullità del contratto, seppure con argomentazioni non sempre coincidenti. La presente trattazione esporrà le diverse posizioni giurisprudenziali e dottrinali sostenute in merito, prendendo spunto da alcune significative e recenti sentenze; e senza rinunciare, tuttavia, a proporre una ricostruzione dell’istituto che appaia il più possibile coerente con la sistematica dell’ordinamento, nonché funzionale alla tutela degli interessi sostanziali in gioco nei casi concreti. Il problema è stato oggetto di approfondita indagine sino ad epoca molto recente, senza peraltro potersi dire definitivamente risolto; da ultimo è sfuggito

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pamela Predonzani Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4099 click dal 10/02/2009.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.