Skip to content

Una koinè adriatica? Ancona, Cattaro, Venezia e Ragusa tra fine XVI e XVII secolo.

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Giancarli
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Storia dell'Europa
Anno: 2009
Docente/Relatore: Valle Roberto
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Dipartimento: Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 300

In quella che fu sicuramente l’età della decadenza per l’Italia e per l’intero Mediterraneo, si segue attraverso i documenti di quattro archivi (Ancona, Cattaro, Venezia e Ragusa) e si cerca di sintetizzare in tre grandi parti la realtà economica, sociale e politica dell’Adriatico attraverso un secolo (1580-1680 circa), anche tenendo presente la lezione di Braudel per cui esso è “la regione marittima più coerente”, quella in grado di porre “da sola, e per analogia, tutti i problemi impliciti nello studio dell’intero Mediterraneo”.

La trattazione si apre con l’esame della parabola economica di Ancona, una città che – come ampiamente mostrato da numerosi storici – conosce nel corso del Cinquecento una enorme espansione come piazza commerciale, divenendo punto cruciale del passaggio tra Europa e Occidente. I motivi di questo successo, tuttavia, vengono meno già nello stesso secolo; ma la città si mantiene porto attivo fino al Seicento inoltrato, soprattutto grazie alla richiesta di materie prime proveniente dall’entroterra marchigiano, che conosce all’epoca un precoce quanto breve sviluppo produttivo. Se Ancona è un luogo di approdo e scambio delle merci, Cattaro e le Bocche sono invece sede di una classe di mercanti-navigatori che ricavano notevole guadagno dal mettere in relazione due economie disequilibrate come Venezia e l’Impero Ottomano, ma che devono fare i conti con i rischi che il mestiere marittimo comportava. Rischi che d’altra parte minacciavano in misura anche maggiore il piccolo commercio interadriatico, effettuato per lo più da imbarcazioni minori, la cui analisi conclude questa parte.

Di seguito sono concentrate le storie dei gruppi “estranei” che vivevano e/o commerciavano sull’Adriatico: ad Ancona, si tratta in primo luogo degli ebrei, presenti nelle Marche e in particolare nel capoluogo da sempre, che subiscono nel Cinquecento durissimi colpi: prima con la persecuzione dei marrani portoghesi, poi con la chiusura in ghetto e le norme pontificie a danno degli ebrei italiani, cui comunque non sono soggetti i potenti e facoltosi levantini. Nonostante questi problemi, e pur attraversando una grave crisi demografica, gli ebrei di Ancona riescono a mantenere un importante peso economico nella città e, a fine Seicento, anche la loro condizione sociale appare migliorata. Altre comunità incontrate in quegli anni nei documenti (soprattutto in quelli concernenti il commercio, ma non solo) sono quella balcanico-orientale, anch’essa con profonde radici storiche nelle Marche, quelle italiane (i fiorentini, pochi e ricchi commercianti, e i bergamaschi, tantissimi e diffusi in tutte le classi sociali), e infine i nordici, che si moltiplicano con lo spostamento degli equilibri economici. A Cattaro, la frontiera politica è quella con i turchi, con i quali peraltro il rapporto non è sempre di mera ostilità, perché la vicinanza sviluppa giocoforza delle relazioni e perché comunque il modello commerciale cattarino aveva bisogno del mercato ottomano; ma c’è anche una frontiera sociale, particolarmente evidente in una provincia piccola e profondamente ancorata a costumi tradizionali slavi, oltre la quale ci sono le “bocche inutili”: chi non può lavorare o combattere, le donne. L’archivio storico di Cattaro ha restituito storie di queste umanità negletta, eppure spesso molto vicina a noi.

Nella terza parte, si prova a ricostruire l’organizzazione e le relazioni “politiche” delle città dell’Adriatico, cominciando con l’amministrazione della giustizia “veneziana” nelle Bocche di Cattaro, che era largamente autonoma e in parte ancora tribale e tradizionale. In seguito, si osserva come funzionasse l’asse Ancona-Ragusa, la sua storia, le sue motivazioni economiche, le sue protezioni politiche, e le conseguenze di questo strettissimo rapporto. Più avanti, concentrandosi sul secolo XVII in cui l’Adriatico conobbe due guerre, si vedono le relazioni tra la Repubblica veneta e quella ragusea, osservandole dall’ottica delle Bocche di Cattaro, provincia cruciale per i domini veneti. In pace e in guerra, si dà voce ai documenti per mostrare come Venezia incarnasse in quel secolo, per lo più inconsapevolmente, una domanda di libertà e di affermazione della propria identità da parte delle popolazioni slave adriatiche e balcaniche, mentre Ragusa (e dunque Ancona) rimaneva legata ad un modello politico stantio.

Il lavoro si conclude con una breve carrellata sul “mito del Turco”, misto di attrazione e repulsione, di realtà e di spinte ideali, e su come l’esistenza stessa di un Altro contribuì a costruire, per negazione, un’identità delle popolazioni cristiane mediterranee e dell’intera Europa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa. Muoversi dal particolare per arrivare ad una visione d’insieme, ma senza rinunciare ai dettagli: questo è l’obiettivo, senz’altro ambizioso, di questo lavoro. Che cosa significa? In primo luogo, che da tante storie banali e quotidiane, da scene di vita consueta, da eventi precisi accaduti a per- sone con un nome e una vita propri, da tutto questo si è cercato di co- struire un quadro vasto, che abbracci tutto l’Adriatico attraverso la fine del XVI e il XVII secolo e che giunga a toccare gran parte dei temi che sono comuni all’intero Mediterraneo di allora (e non solo di allora; quell’epoca di feroce e forzata convivenza tra almeno due mondi che si odiavano e si temevano ha molto da insegnare alla realtà di oggi). Nel quadro vasto, tuttavia, le singole storie non debbono cessare di esistere, e di esistere per sé; come in un mosaico in cui ogni tessera è a sua volta una scena indipendente, vorremmo che l’idea generale, le opinioni e i giudizi che diamo e riportiamo non cancellassero le vite che abbiamo rin- tracciato, soprattutto le più umili, quelle solitamente dimenticate. D’altronde, avrebbe poco senso scrivere di Storia senza raccontare l’umanità, che quella Storia ha costruito. Il lavoro che abbiamo in mente, quello che abbiamo voluto scrivere, è in- vece vivido, colorato, è la trattazione di un mare tremendamente vitale anche nel secolo della sua pretesa decadenza; non ha tesi preconcette, non ha accolto i documenti inserendoli all’interno di un’idea già pronta, ma nasce dai documenti, dalle testimonianze, trae linfa dalle storie nar- rate e anzi esiste perché sono esistite le persone cui cerca di dar voce. Questo lavoro si prefigge inoltre un altro obiettivo, anch'esso non facile da raggiungere: quello di avvicinare gli uomini e i numeri, di aggiungere dati reali ed oggettivi alla narrazione per formare un contesto chiaro e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adriatico
ancona
braudel
cattaro
cinquecento
commercio
dalmazia
delumeau
earle
ebrei
economia
identità europea
impero ottomano
islam
levante
marche
montenegro
orientali
ragusa
seicento
serenissima
storia moderna
turchi
venezia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi