Skip to content

Gli ausiliari per la sicurezza del datore di lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Virginia Tassella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Economia
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marco Mocella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

La sicurezza sul lavoro continua ad essere uno dei temi drammatici che la cronaca non smette di porre in evidenza ogni giorno.Ogni anno mediamente il 6% dei lavoratori italiani subisce un incidente sul lavoro. Tappa fondamentale è stato il D.L.vo n. 626/94 che ha introdotto importanti innovazioni nel campo della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro senza sostituirsi alle discipline precedenti,ma spostando l’attenzione da una normativa incentrata su un tipo di intervento sostanzialmente“riparatorio”ad una focalizzata sulla prevenzione e sull’informazione.Il D.L.vo n.626/94 è solo il primo dei decreti legislativi attuativi delle direttive comunitarie in materia di igiene e sicurezza sul lavoro.Tale decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività pubblica e privata: anche la P.A.è chiamata a porsi il problema della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro,nello stesso identico modo dell’imprenditore privato.Per una corretta gestione del sistema aziendale della sicurezza il D.L.vo n.626/94 prevede un coinvolgimento di tutti i soggetti del processo produttivo volto alla prevenzione e alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Dunque i soggetti responsabili alla sicurezza sono:il datore di lavoro, il dirigente, il preposto, i lavoratori con i loro rappresentanti per la sicurezza (RLS), il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e la figura del medico competente (MC).
Dal 25 agosto 2007 è entrata in vigore l’importantissima legge n. 123/07 che prevede numerosi nuovi adempimenti e obblighi recanti “Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro” e delega il Governo a predisporre un Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Una delle novità eclatanti è la possibilità data al personale ispettivo del Ministero del Lavoro, anche su segnalazione delle amministrazioni pubbliche, di adottare provvedimenti di sospensione di un’attività imprenditoriale in caso di impiego di personale non risultante dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria, al fine di contrastare il lavoro nero; o in caso di reiterate violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Tale sospensione può essere revocata previo accertamento della regolarizzazione delle inadempienze riscontrate e del pagamento di una sanzione amministrativa aggiuntiva. La figura del RLS è interessata ad alcune modifiche con riguardo alle modalità di elezione.
Infine il Consiglio dei Ministri il 6 Marzo 2008 ha approvato uno schema di decreto legislativo che da attuazione alla delega conferita al Governo dalla lex 123/07 in materia di salute e sicurezza del lavoro; la parola d’ordine è: sconfiggere le morti bianche e prevenire gli infortuni sul lavoro. A tal fine è stata prevista la pena dell’arresto da 6 a 18 mesi per il datore di lavoro che non abbia effettuato la valutazione dei rischi cui possono essere esposti i lavoratori in azienda che svolgono attività con elevata pericolosità.
In definitiva, migliorare le condizioni della sicurezza e della salute in ambito di lavoro significa dunque migliorare la qualità della vita umana, e solo a queste condizioni il lavoro diventa fattore di vero progresso sociale, in attuazione dello spirito più profondo del dettato costituzionale per il quale << L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro>>.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La sicurezza sul lavoro continua a essere uno dei temi drammatici che la cronaca non smette di porre in evidenza quasi ogni giorno. Ogni anno mediamente il 6% dei lavoratori italiani subisce un incidente sul lavoro. Si tratta di quasi un milione di incidenti di diversa natura e gravità, dei quali circa 600 mila con esiti di inabilità superiore a tre giorni, oltre 27 mila determinano un’invalidità permanente nella vittima, e più di 1.300 ne causano la morte. Ciò equivale a dire che ogni giorno tre persone perdono la vita per disgrazie legate alla propria attività lavorativa. Tappa fondamentale in tal senso è la legge 626/94, che ha introdotto importanti innovazioni nel campo della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, focalizzando l'attenzione sulle regole e sugli strumenti operativi. Per completezza di esposizione, è utile ricordare che il 626/94 è solo il primo (e senz'altro il più importante) dei decreti legislativi attuativi delle direttive comunitarie in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, ma non il solo. Tra il 1996 e il '97 sono state recepite in Italia numerose direttive UE nel campo della sicurezza. Tra le più importanti ricordiamo: - il D.L.vo n. 493/96 concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e salute sul luogo di lavoro; - il D.L.vo n. 494/96 concernente la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili. Dopo la 626/94, nel 2001 l'Inail ha avviato un nuovo sistema di incentivi per la prevenzione degli infortuni e la sicurezza sul lavoro destinati alle aziende: si tratta di finanziamenti per le aziende che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ausiliari del datore di lavoro
datore di lavoro
decreto legislativo 626/94
dirigenti
infortunio sul lavoro
lavoratore
legge 123/07
medico competente
morti bianche
obblighi in materia di sicurezza
preposti
prevenzione
protezione
rappresentante dei lavoratori sulla sicurezza
responsabile sicurezza
responsabilità
sicurezza sul lavoro
testo unico sulla sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi