Skip to content

Le attività finanziarie secondo i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) e gli strumenti di hedge accounting

Informazioni tesi

  Autore: Mariangela Amenta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Eleonora Cardillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

Recentemente il sistema bancario ha dovuto fare i conti con l’introduzione dei nuovi principi contabili internazionali (IAS),entrati in vigore nel gennaio 2005. Essi sono conosciuti come i principi contabili generalemte accettati, che fissano in maniera autorevole e competente i criteri da considerare nella valutazione delle poste di bilancio. Valide per tutti i paesi dell’UE, e contenuti in un documento in base ad una numerazione progressiva. La disciplina trova fondamento, a livello comunitario, nel Regolamento n.1606/2002.A livello nazionale, invece, vengono presi in considerazione 2 provvediment: il D.lgs n.38/2005,e il n.394/2003.Lo scopo degli IAS è quello di aumentare la comparabilità e la trasparenza dei bilanci redatti da tutte le società dell’UE quotate su un mercato regolamentato.Lo IAS 1 afferma che il bilancio bancario deve essere composto dai seguenti prospetti: Stato patrimoniale, conto economico, variazione delle poste di patrimonio netto, rendiconto finanziario, nota integrativa, relazione sulla gestione.Entrando nello specifico, invece, lo IAS 39 si occupa di dare intanto una nuova definizione di strumento finanziario, il quale è qualsiasi contratto che dia origine ad una attività per una entità, e una passività finanziaria o uno strumento rappresentativo di capitale per un’altra entità. In particolare definisce un derivato come uno strumento finanziario o un altro contratto il cui valore cambia in relazione al cambiamento in un tasso d’interesse, in un prezzo, in un tasso di cambio in valuta estera, in un indice dei prezzi o di credito, o in un’altra variabile; non richiede un investimento netto iniziale o ne richiede uno irrisorio; ed infine è regolato a data futura.Lo IAS 39 disciplina, con riferimento alle attività finanziarie, 3 aspetti importanti: contabilizzazione, classificazione, valutazione. Introduce inoltre 4 categorie di strumenti finanziari: attività/passività finanziarie valutate al fair value con variazioni imputate a conto economico, possedute per essere negoziate ottenendo un profitto; investimenti posseduti fino a scadenza, con pagamenti e scadenze fisse (strumenti non derivati), che la banca ha intenzione di detenere fino alla scadenza; finanziamenti e crediti, anch’essi non derivati, non quotati in un mercato attivo, con pagamenti fissi; attività finanziarie disponibili per la vendita, categoria residuale che include attività non derivate, con il generico intento di detenzione nel lungo termine, ma che potrebbere essere ceduti sul mercato in ogni momento, se le condizioni sono favorevoli. I derivati sono inclusi nella 1^ categoria, suddivisi in derivati di copertura e derivati speculativi o di negoziazione.Lo IAS 39 prevede poi differenti metodi di valutazione per ogni tipologia di strumento. Abbiamo il fair value, definito come il corrispettivo al quale un’attività può essere valutata o una passività può essere estinta, tra le parti consapevoli e disponibili, in una operazione tra terzi. Si applica a tutti gli strumenti finanziari, compresi i derivati.Un secondo metodo è la valutazione al costo ammortizzato, il quale è il valore cui è stata misurata, al momento della rilevazione iniziale, l’attività/passività al netto dei rimborsi di capitale, aumentato o diminuito dall’ammontare complessivo utilizzando il criterio dell’interesse effettivo su qualsiasi differenza tra il valore iniziale e quello a scadenza, dedotte qualsiasi riduzione di valore.L’ultimo ed importante concetto di cui parla lo IAS 39 è l’hedge accounting, ovvero le operazioni di copertura. Uno strumento di copertura è un derivato designato o una designata attività/passività finanziaria non derivata il cui fair value o i flussi finanziari ci si aspetti compensino le variazioni nel fair value o nei flussi finanziari di un designato elemento coperto. Lo IAS in questione prevede 2 distinte tipologie di copertura: fair value edge ed il cash flow hedge.Durante tutta la vita dell’operazione di copertura, con periodicità quasi annuale, la banca deve assicurarsi che la copertura sia sempre efficace, cioè deve generare risultati effettivi che rientrano nell’intervallo 80-125%, corrispondente al rapporto tra le oscillazioni del valore dell’elemento coperto e quello dello strumento di copertura. Se questo parametro non è soddisfatto, è necessario interrompere la contabilizzazione delle operazioni di copertura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi anni il settore bancario ha dovuto affrontare due importanti mutamenti, particolarmente rilevanti sia dal punto di vista amministrativo che organizzativo. Il primo riguarda prevalentemente aspetti di natura contabile e si ricollega all’introduzione dei nuovi principi contabili internazionali, gli International Accounting Standards (IAS), entrati in vigore nel gennaio 2005. Il secondo, ricollegandosi invece alla materia delle disposizioni di vigilanza, riguarda i cambiamenti introdotti dal Comitato di Basilea attraverso il “Nuovo Accordo sul Capitale” (Basilea 2), la cui disciplina è entrata in vigore nel gennaio 2006. Col proposito di accogliere al meglio le variazioni previste, per le banche si è resa necessaria una preparazione assai strutturata, poiché le suddette variazioni hanno comportato l’implementazione di soluzioni di non poca complessità. In questa sede, ci si concentra sugli aspetti relativi ai nuovi principi contabili internazionali. Gli International Accounting Standards possono essere definiti come “princìpi contabili generalmente accettati”, che fissano in maniera autorevole e competente i criteri da considerare nella valutazione delle poste di bilancio. Nelle pagine che seguono, una prima parte introduttiva ripercorre l’evoluzione normativa in Europa e in Italia (che culmina con il Regolamento comunitario 1606/02, recepito a livello nazionale con il d.lgs. n.38/2005), per descrivere ed analizzare l’attuale panorama contabile ed in particolare gli organismi che, in fase di redazione del bilancio, sono soggetti all’applicazione dei principi IAS. L’introduzione delle nuove regole contabili ha l’obiettivo di favorire la comparabilità dei bilanci, oltre che migliorare la qualità e la trasparenza dell’informazione finanziaria, per migliorare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi