Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La risonanza magnetica in pazienti con carcinoma della cervice uterina localmente avanzato, sottoposte a trattamento combinato radio-chemioterapico

La tesi, dopo una breve ma accurata introduzione inerente i dati epidemiologici e la diagnostica del carcinoma della cervice uterina, mette in risalto le attuali potenzialità dell'imaging RM, evidenziandone l'accuratezza nonchè i limiti, secondo un protocollo standardizzato di studio

Mostra/Nascondi contenuto.
      3 CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Epidemiologia ed Eziologia Il Tumore della cervice uterina è per incidenza il secondo più comune tra le donne, dopo quello mammario , ed il più comune tra le neoplasie dell’apparato genitale femminile, quindi di frequente riscontro per i radiologi . In Italia l’incidenza si attesta su 3680 nuovi casi l’anno, per un tasso di 11 su 100.000 donne, l’incidenza più elevata si ha attorno ai 45 anni di età. Istologicamente si distingue il carcinoma squamo cellulare ed assai più raramente, in meno del 10% dei casi, l’adenocarcinoma. Il carcinoma in situ ha la massima incidenza nelle donne in età giovane (25-35 anni), invece l’incidenza del carcinoma invasivo aumenta progressivamente dopo i 35 anni di età, con un picco massimo dopo i 55 anni. La quasi totalità dei casi di tumore della cervice uterina è associata all'infezione del tratto genitale con papillomavirus umano (human papilloma virus) - HPV (1); in particolare la frazione di tumore squamocellulare attribuibile all'infezione da HPV è pari a 96% (2) e quella degli adenocarcinomi è pari a 93%; Il picco di prevalenza dell'infezione si ha nelle giovani con meno di 25 anni; sembra infatti che il rischio di contrarre l'infezione sia massimo nei primi anni successivi all'esordio dell'attività sessuale e direttamente legato al numero di partners. L'anamnesi positiva per infezioni da herpes simplex genitale, similmente ad altre malattie sessualmente trasmesse, aumenta di circa quattro volte il rischio di infettarsi con HPV.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Settimio Catini Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1187 click dal 18/02/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.