Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Discriminazione di prezzo in monopolio ed effetti sul benessere

La discriminazione di prezzo è una pratica adottata dalle imprese monopolistiche che, sfruttando la diversa elasticità della domanda dei singoli consumatori, impongono prezzi diversi per uno stesso bene o servizio

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La discriminazione di prezzo è una particolare strategia di marketing che porta le aziende a vendere uno stesso bene o servizio a prezzi differenti, in base al tipo di consumatore ed in seguito al verificarsi di determinate condizioni. Tale politica deriva dal fatto che, normalmente, la disponibilità a pagare un bene ad un determinato prezzo non è uguale per tutti gli individui. Per questo motivo al monopolista si presenta un dilemma: applicando un prezzo più elevato sarebbe in grado di soddisfare una certa domanda, ma allo stesso tempo potrebbe perdere una potenziale clientela. La discriminazione è conveniente ove un’impresa sia in grado di applicare prezzi diversi ad acquirenti diversi: può far pagare un prezzo elevato ai consumatori con una maggiore disponibilità a pagare e, contemporaneamente, riuscire a vendere il suo prodotto ai consumatori con una disponibilità inferiore. La possibilità di attuare un comportamento di discriminazione dei prezzi non è assoluta ma richiede la presenza di alcune condizioni, ovvero: ξ la presenza di un certo potere di mercato che permette all’impresa di far pagare ai consumatori un prezzo diverso dal costo marginale (è per questo che la discriminazione è prevalente in mercati monopolistici); ξ la capacità di conoscere le preferenze del consumatore, in modo da poter separare i consumatori in diversi gruppi a seconda del prezzo che sono disposti a pagare; ξ la possibilità di impedire il c.d. arbitraggio, ossia l’acquisto di un bene da parte del soggetto che può ottenerlo ad un prezzo minore e che lo rivende successivamente ai soggetti che possono ottenerlo solo ad un prezzo maggiore, per un prezzo inferiore a quest’ultimo. La classificazione tradizionale delle tre forme (o gradi) di discriminazione di prezzo è dovuta a Pigou (1932) e prevede:

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Arianna Mazzuca Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5894 click dal 19/02/2009.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.