Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La psicopatia e la PCL-R. Da Hervey Cleckley a Robert Hare: definizione e valutazione di un antico costrutto.

Con l'etichetta di psicopatia si definisce un costrutto la cui validità è stata accertata e supportata da una varietà di studi clinici ed empirici, ma al quale, tuttavia, non è stato dato spazio nei manuali diagnostici sino ad oggi pubblicati. Infatti sia il DSM-IV-TR, sia l’ICD-10, continuano ad equiparare il costrutto della psicopatia a quello della personalità antisociale o dissociale, lasciando, quindi, in ombra gli aspetti salienti e distintivi del disturbo da me preso in esame.
La mia tesi è, essenzialmente, una meta-analisi della letteratura recente, che cerca di mettere a fuoco, appunto, le caratteristiche peculiari della psicopatia, partendo dal lavoro clinico di Hervey Cleckley e arrivando alle teorizzazioni, maggiormente supportate empiricamente, di Robert Hare e coll., i quali hanno costruito lo strumento che, ad oggi, si può definire come il più valido ed utile nell’assessment della psicopatia, per discriminare tra questo disturbo e la sociopatia. La nascita della PCL, ha segnato infatti un punto di svolta: esistono ormai, infatti, numerose evidenze empiriche che la PCL-R e gli strumenti derivati da essa siano, attualmente, i più validi a nostra disposizione per discriminare soggetti psicopatici da quelli che non lo sono e per questa ragione vengono inclusi in molte procedure di assessment e di valutazione del rischio per i pazienti forensi. Nonostante, infatti, la PCL-R non sia stata costruita per la valutazione del rischio, molte ricerche hanno dimostrato la sua validità predittiva e hanno contribuito all’estensione del suo utilizzo clinico, sia da sola sia in aggiunta ad altre strategie di valutazione.
Il trattamento della psicopatia appare tuttora difficoltoso e costoso, ma alcune iniziative recenti che si basano sulle ultime ricerche e teorie e le più efficaci metodologie correzionali potrebbero aiutare a ridurre l’impatto sociale negativo del comportamento degli psicopatici.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La motivazione per la quale questa tesi Ł nata Ł da ricercare nell acuto interesse stimolato in me dalle personalit , per se mplicit , definite devianti. In realt questa definizione Ł tutt altro che esaustiva, giacchØ sono molte le tipologie convogliate in essa, che si differenziano tra loro per la genesi, le motivazioni e i conseguenti comportamenti. In particolare, quella che piø ha stimolato il mio interesse Ł la personalit psicopatica. Con questa etichetta si definisce un costrutto la cui validit Ł stata accertata e supportata da una variet di studi clinici ed empirici, ma al quale, tuttavia, non Ł stato dato spazio nei manuali diagnostici sino ad oggi pubblicati. Infatti, sia il DSM-IV-TR, sia l ICD-10, continuano ad equiparare il costrutto della psicopatia a quello della personalit antisociale o dissociale, lasciando, quindi, in ombra gli aspetti salienti e distintivi del disturbo da me preso in esame. La mia tesi Ł, essenzialmente, una meta-analisi della letteratura recente, che cerca di mettere a fuoco, appunto, le caratteristiche peculiari della psicopatia, partendo dal lavoro clinico di Hervey Cleckley e arrivando alle teorizzazioni, maggiormente supportate empiricamente, di Robert Hare e coll., i quali hanno costruito lo strumento che, ad oggi, si pu definir e come il piø valido ed utile nell assessment della psicopatia, per discriminare tra questo disturbo e la sociopatia. Nonostante non compaia come disturbo a sØ stante nei manuali diagnostici, il concetto di psicopatia vanta una lunga tradizione clinica e un ampio supporto empirico. Il primo capitolo di questa tesi, La psi copatia: evoluzione del costrutto , cerca di tracciare il percorso che, a p artire dalle prime teorizzazioni di Pinel del 1745, ha portato, attraverso i secoli, passando dalle formulazioni teoriche di Prichard, Koch, Partridge, Karpman, McCord e McCord, Cleckley e Hare -per citarne alcuni-, all odierna formulazione e validazione empirica del costrutto.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Pizzeghello Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6818 click dal 19/02/2009.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.