Skip to content

Il ruolo degli incubatori nello sviluppo della nuova impresa

Informazioni tesi

  Autore: Enrieta Konakciu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Ada  Carlesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

La creazione di nuove imprese è un fenomeno che riveste un’estrema rilevanza date le sue implicazioni sia in termini d’apporto innovativo e di sviluppo dei diversi settori, sia per lo sviluppo economico territoriale. Il motore principale della nascita di nuove imprese risiede nell’architettura e nella concorrenzialità del sistema di ricerca, nella sua flessibilità e capacità di generare nuove opportunità di crescita economica attraverso la formazione di capitale umano qualificato e anche nel contesto di programmi “mission oriented “ che combinano la ricerca scientifica di base con quella applicata .
In un’economia come quella odierna, di tipo knowledege driven, la competitività del sistema riguarda la capacità delle imprese di competere nei settori scienze- based, e uno degli interventi per riuscirci è attivare meccanismi virtuosi di selezione di idee innovative d’impresa e accelerare il loro processo di sviluppo. L’analisi dei fattori critici di successo per le start-up costituisce una conferma dell’utilità degli incubatori quale strumento di sostegno all’imprenditorialità, aventi proprio come obiettivi la minimizzazione dei costi (attraverso la condivisione di strutture, spazi e servizi), l’assistenza nella redazione del business plan , la spinta all’economicità, l’orientamento al medio- lungo termine e la creazione di un valido network di contatti sia a livello di clientela che di partner e interlocutori finanziari. Emerge chiaramente come l’incubatore sia un operatore utile per lo sviluppo economico, una volta che viene inquadrato e progettato bene.
L’evoluzione più recente del modello d’incubatore è il Networked Incubator, il quale offre un insieme di relazioni e contatti professionali data l’appartenenza ad una rete di relazioni che possono contribuire a creare partnership strategiche e a trovare risorse umane altamente qualificate. Se correttamente costituiti i Networked Incubator possono combinare economie di scala e di scopo, con lo spirito imprenditoriale che caratterizza le società di venture capital, fornendo benefici unici alle proprie start-up ed offrendo loro un accesso preferenziale presso una rete di partner e consulenti “ best in class”.
Osservando le altre realtà internazionali si capisce che per promuovere lo sviluppo economico di un paese sono necessari consolidati meccanismi di trasferimento tecnologico, valide strutture d’incubazione, e un efficiente sistema di ricerca e sviluppo, in modo da consentire il nascere di un ecosistema imprenditoriale che favorisce la nuova imprenditorialità. Risulta, comunque determinante la dinamicità del modello di incubazione adottato, che deve essere in grado di mutare configurazione al variare della congiuntura.
Possiamo cosi dire che risulta sano orientarci verso queste nuove configurazioni, tenendo in considerazione la crisi del modello tradizionale d’incubazione e i successi che queste nuove tipologie di incubatori hanno registrato nell’arena internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La creazione di nuove imprese è un fenomeno che riveste un’estrema rilevanza date le sue implicazioni sia in termini d’apporto innovativo e di sviluppo dei diversi settori, sia per lo sviluppo economico territoriale. Il motore principale della nascita di nuove imprese risiede nell’architettura e nella concorrenzialità del sistema di ricerca, nella sua flessibilità e capacità di generare nuove opportunità di crescita economica attraverso la formazione di capitale umano qualificato e anche nel contesto di programmi “mission oriented “ che combinano la ricerca scientifica di base con quella applicata . Si osserva che è in atto un processo di riorganizzazione, attraverso il quale le imprese di più grandi dimensioni tendono a scorporarsi in unità aziendali più specializzate e flessibili 1 . Sembra possibile ricondurre il profilo delle nuove imprese, riferendoci qui a quelle con maggiori probabilità di sopravvivenza dopo i primi 2 o 3 anni di vita, ad effettivi fenomeni di spin-off o quantomeno a realtà derivanti da un’azienda preesistente e da questa formalmente o informalmente controllate. Potrebbe trattarsi di realtà nate dalla necessità di decentrare alcune fasi produttive o di servizio all’azienda in cui era precedentemente impegnato il titolare. Si arriva ad affermare ciò, data l’elevata quota di aziende che arriva a conseguire oltre la meta del fatturato da un solo committente, circa una su due. La crescita e la competitività del Sistema Italiano può, pertanto essere collegata allo sviluppo del modello delle piccole imprese nelle grandi reti. Questo porta allo sviluppo d’attività innovative, alla crescita delle competenze d’alto livello e delle risorse umane qualificate, alla gestione delle funzioni di governo strategico, alla produzione e al presidio dei mercati; e non soltanto all’interno dei “tradizionali” distretti industriali ma coinvolge tutto il sistema economico nel suo complesso. Un vincolo alla piena affermazione di questo contesto virtuoso, è il raccordo tra sistema della ricerca pubblica e sistema delle imprese, oggi sporadico e disomogeneo sul territorio. Basta pensare che le imprese italiane acquistano tecnologia all’estero (in miliardi di euro) anche nei settori nei quali la ricerca pubblica italiana a particolarmente 1) Unioncamere, Osservatorio sulla demografia delle imprese 2004

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agenzie di sviluppo territoriale
bic
business angel
business plan
due diligence
fattori critici di successo
for profit
fund raising
incubatore
innovazione
network
networked incubator
new economy
non profit
piccole imprese
polo tecnologico
ricerca applicata
ricerca di base
scouting
start up
strumenti di finanziamento
sviluppo territoriale
trasferimento tecnologico
venture capital

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi