Skip to content

Il problema del reimpiego e delle fasi costruttive nella cattedrale di San Sabino in Canosa di Puglia: il contributo delle analisi minero-petrografiche

Informazioni tesi

  Autore: Irene Magnisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  Relatore: Rocco Laviano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

Questo lavoro di tesi parte dall’analisi storica e stilistica dell’impianto costruttivo della cattedrale di San Sabino in Canosa di Puglia, con particolare attenzione nei confronti dell’impianto medievale. La datazione della struttura originaria non è mai stata definita con precisione dagli storici a causa di diversi rimaneggiamenti avve-nuti nel tempo; per questo motivo, lo studio delle fasi costruttive e della pratica del reimpiego ha posto come obiettivo quello di esaminare e relazionare alcuni dei ma-teriali da costruzione, di reimpiego e di neoproduzione, prelevati sia da elementi di sostegno della chiesa che dal pozzetto reliquiario della cripta.
I materiali campionati, quali marmi, malte e un laterizio, sono stati analizzati me-diante tecniche d’indagine minero - petrografica: riconoscimento macroscopico dei campioni, microscopia ottica (MO), diffrazione di raggi X (DRX), fluorescenza di raggi X (FRX) e indagine attraverso microscopia elettronica a scansione (SEM) per ottenere informazioni microstrutturali e composizionali (EDS).
Lo studio dei marmi, basato sulle differenze tessiturali e sull’analisi delle patine superficiali, ha dunque permesso di ipotizzare una contemporaneità di messa in opera per i capitelli di epoca medievale e il pozzetto reliquiario della cripta, distinguendo il marmo di cui sono composti da quello dei capitelli di reimpiego. Anche l’analisi delle malte ha apportato utili informazioni per una datazione relativa dell’impianto, data l’analogia di composizione tra la malta di uno dei pilastri della cattedrale e la malta di allettamento del pozzetto reliquiario, in cui è stato riconosciuto un medesimo uso di aggregato sabbioso di origine alluvionale. Queste sono state, invece, distinte dalla malta di rivestimento presente su una colonna di reimpiego e da quelle di epoca romana rinvenute sotto il pavimento marmoreo della cripta. Infine, il laterizio analizzato è stato prodotto utilizzando argilla alluvionale, supportando ulteriormente l’ipotesi dell’uso di locali deposti del Fiume Ofanto in epoca medievale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi nasce dall’esigenza di tentare di dare risposte a domande sorte durante i recenti lavori di restauro che hanno interessato la Cattedrale di San Sabino in Canosa di Puglia. E’ noto come la città canosina sia sito di importanti e antiche vicende storiche; dal neolitico all’insediamento romano, dalle invasioni longobarde alla rinascita norman- na, Canosa risulta essere luogo di grande interesse storico-artistico. Al cen- tro dell’abitato cittadino, quasi nascosta e parzialmente soffocata dal più re- cente impianto urbano, sorge la Cattedrale dedicata al più importante ve- scovo della storia canosina: la Cattedrale di San Sabino. L’edificio risulta es- sere totalmente rimaneggiato rispetto all’impianto originario e racchiude in se numerose stratificazioni corrispondenti, in maniera più o meno chiara, al- le vicende della città. In particolare, questo lavoro si pone l’obiettivo di fornire ulteriori informa- zioni di carattere scientifico-tecnologico sui materiali di reimpiego e con- temporanei alla fase costruttiva dell’impianto di epoca altomedievale. Que- sta struttura, infatti, ha sempre presentato significativi problemi, dal punto di vista di una sua precisa collocazione cronologica, in quanto pochi - o qua- si nulli - sono i documenti su cui poter basare una datazione storica. A quale secolo appartiene l’originario impianto basilicale? La struttura oggi visibile corrisponde a una nuova costruzione o a una ristrutturazione di una costru- zione già esistente? Che relazione c’è tra i materiali di reimpiego e quelli di epoca medievale? La fase costruttiva dell’impianto basilicale è contempora- nea alla deposizione delle ossa di San Sabino nel pozzetto reliquiario pre- sente all’ingresso della cripta? A quale periodo risale il rattoppo che colma

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi mineralogiche
analisi petrografiche
canosa di puglia
diffrazione raggi x
fluorescenza raggi x
laterizio
malte
marmi
microscopia elettronica
microscopia ottica
reimpiego
storia dell'arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi