Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo termale: nuovi orizzonti per una pratica antica

L’acqua è un elemento indispensabile per la vita ed ha sempre rivestito un ruolo particolare per ogni civiltà; nonostante la sua diffusione e la sua importanza ci sono ancora molte cose che devono essere scoperte su di essa.
L’utilizzo terapeutico delle acque ha una origine ancestrale, il termalismo, quindi, ha una genesi molto antica, anche se la sua prima “istituzionalizzazione” può essere ricondotta all’epoca romana.
La comprensione dell’evoluzione storica del termalismo, e del rapporto dell’uomo con l’acqua, rappresenta un passo necessario, ma non sufficiente, per poter meglio inquadrare il moderno fenomeno termale.
Il turismo termale incarna solamente un aspetto di questo complesso settore e non appare agevole una delimitazione dei suoi confini.
Nelle strutture convivono soggetti differenti, i curandi, interessati alla salute ed i curisti, amanti del wellness. Queste due figure presentano delle motivazioni completamente differenti e non è facile, per un centro termale, essere in grado di soddisfare entrambi.
La comprensione della domanda permette di “modulare” l’offerta in maniera opportuna.
Il settore presenta delle grandi potenzialità inespresse, ma le politiche da intraprendere per favorirne lo sviluppo non sono condivise dai vari stakeholder.
L’avvento del cosiddetto benessere termale pone nuove sfide agli attori del settore, la capacità di intercettare il nuovo consumatore di benessere è alla base del successo, o dell’insuccesso, di una destination.
Il presente lavoro è stato strutturato in cinque capitoli: nel primo, dopo una necessaria prolusione sul ruolo dell’acqua e sulle prospettive future di questa risorsa, si analizza in maniera approfondita la storia dell rapporto dell’uomo con l’acqua, iniziando dal termalismo “ante litteram” e terminando con l’odierno benessere termale.
Nel secondo capitolo sono fissati gli obiettivi e le ipotesi di ricerca e si illustrano i principali strumenti che possono essere utilizzati nello studio del fenomeno.
Il terzo capitolo tenta di fotografare la situazione attuale a livello nazionale, raffrontandola all’ambito comunitario. In questo capitolo si cerca di individuare con precisione il prodotto e la filiera termale, confrontando la coerenza degli stessi con l’attuale conformazione della domanda.
Nel quarto capitolo vengono proposti alcuni approcci analitici al fenomeno e si delineano le possibili traiettorie strategiche che le destination termali possono intraprendere.
L’ultimo capitolo è dedicato all’analisi del termalismo campano, attraverso la valutazione delle principali destination attuali e del quadro di riferimento legislativo.
Vengono realizzate, inoltre, determinate considerazioni sulle iniziative necessarie per uno sviluppo sistemico regionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’acqua è un elemento indispensabile per la vita ed ha sempre rivestito un ruolo particolare per ogni civiltà; nonostante la sua diffusione e la sua importanza ci sono ancora molte cose che devono essere scoperte su di essa. L’utilizzo terapeutico delle acque ha una origine ancestrale, il termalismo, quindi, ha una genesi molto antica, anche se la sua prima “istituzionalizzazione” può essere ricondotta all’epoca romana. La comprensione dell’evoluzione storica del termalismo, e del rapporto dell’uomo con l’acqua, rappresenta un passo necessario, ma non sufficiente, per poter meglio inquadrare il moderno fenomeno termale. Il turismo termale incarna solamente un aspetto di questo complesso settore e non appare agevole una delimitazione dei suoi confini. Nelle strutture convivono soggetti differenti, i curandi, interessati alla salute ed i curisti, amanti del wellness. Queste due figure presentano delle motivazioni completamente differenti e non è facile, per un centro termale, essere in grado di soddisfare entrambi. La comprensione della domanda permette di “modulare” l’offerta in maniera opportuna. Il settore presenta delle grandi potenzialità inespresse, ma le politiche da intraprendere per favorirne lo sviluppo non sono condivise dai vari stakeholder. L’avvento del cosiddetto benessere termale pone nuove sfide agli attori del settore, la capacità di intercettare il nuovo consumatore di benessere è alla base del successo, o dell’insuccesso, di una destination. Il presente lavoro è stato strutturato in cinque capitoli: nel primo, dopo una necessaria prolusione sul ruolo dell’acqua e sulle prospettive future di questa risorsa, si analizza in maniera approfondita la storia dell rapporto dell’uomo con l’acqua, iniziando dal termalismo “ante litteram” e terminando con l’odierno benessere termale.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Agnello De Rosa Contatta »

Composta da 332 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11869 click dal 25/02/2009.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.