Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Made in Vicenza. Mercati, strategie, tecnologie.

Un giro d’affari di sei miliardi di euro. Al primo posto in Europa e al terzo nel mondo nella trasformazione dell’oro. Al primo posto nel mercato mondiale della gioielleria. Al quarto posto, per attivo, nella bilancia commerciale italiana.

Bastano questi pochi dati per evidenziare l’importanza del comparto orafo nel nostro Paese. Un comparto che, nonostante la crescente concorrenza dei paesi emergenti, è un’eccellenza del Made in Italy sui mercati internazionali.

I distretti e il know how sono stati il segreto di questo successo, ma nell'aspra competizione globale le imprese italiane potranno ancora contare solo su questi punti di forza?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “L’industria orafa: un’eccellenza del Made in Italy” Un giro d’affari di sei miliardi di euro. Al primo posto in Europa e al terzo nel mondo nella trasformazione dell’oro. Al primo posto nel mercato mondiale della gioielleria. Al quarto posto, per attivo, nella bilancia commerciale italiana. Bastano questi pochi dati per evidenziare l’importanza del comparto orafo nel nostro Paese. Un comparto che, nonostante la crescente concorrenza dei paesi emergenti, è un’eccellenza del Made in Italy sui mercati internazionali. L’industria orafa, essendo il nostro Paese privo di materie prime, è sostanzialmente un’industria di trasformazione, che importa dall’estero la quasi totalità dei materiali da lavorare ed esporta la maggior parte della sua produzio- ne. Il primato del comparto orafo italiano si riassume in poche ma significative cifre: in Italia si trasforma il 69% dell’oro fino lavorato in Europa e il 16% di tutto quello trasformato nel mondo, per 25 milioni di pezzi di oreficeria e gioielleria. Nel 2005 i consumi interni di prodotti di gioielleria e affini hanno raggiunto i 3 miliardi di euro, soddisfatti per poco meno di un terzo dalle importazioni, con un incremento di circa 500 milioni di euro rispetto al 2003. Un segnale importante di ripresa che si scontra tuttavia con alcuni trend che frenano le abitudini e le 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Filippo Toniolo Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 718 click dal 20/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.