Skip to content

La riassicurazione

Informazioni tesi

  Autore: Fernando Sepe
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Marino Bin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Qualsiasi soggetto ( singolo individuo, associazione, impresa, ecc.), presso il quale siano “ localizzati “ dei rischi, può trasferire ( almeno parzialmente ) ad altri soggetti alcuni di questi rischi. Tale trasferimento in genere avviene quando il complesso dei rischi supera un certo limite: questa “capacità di conservazione” dei rischi dipende da vari fattori, tra i quali uno dei più importanti è l’ammontare dei mezzi finanziari che possono essere utilizzati per coprire gli eventuali oneri derivanti dall’acquisizione del rischio.
Il trasferimento del rischio avviene mediante la stipulazione di contratti di assicurazione e il soggetto destinatario dei rischi trasferiti è quindi un assicuratore. Ovviamente ciò non toglie che anche un’ impresa di assicurazioni possa trovarsi in queste condizioni, ossia ritenere conveniente ridurre la propria esposizione aleatoria cedendo una parte dei rischi assunti, quindi “riassicurandosi”. In questo caso quest’impresa stipulerà con un’altra impresa assicuratrice, che agirà come riassicuratore, un opportuno contratto di riassicurazione.
La riassicurazione è quindi il contratto con cui l’assicuratore ( riassicurato) trasferisce una parte del rischio o dei rischi assunti ad un altro assicuratore ( riassicuratore), ferma restando l’estraneità dell’assicurato. Insieme alla coassicurazione è uno degli strumenti tipici previsti dal codice civile per la ripartizione del rischio tra più assicuratori.

La prima parte del mio lavoro mira ad evidenziare le evoluzioni normative della disciplina riassicurativa anche in riferimento alla sua vigilanza ed ai numerosi problemi di normative nazionali divergenti tra loro che ostacolavano un ulteriore sviluppo del mercato interno di suddetto istituto. A seguito di un’analisi svolta per ricercare una disciplina uniforme di in materia si è avuta la consapevolezza del mosaico di normative nazionali divergenti le quali, ostacolando lo sviluppo transfrontaliero provocavano uno stato di inefficienza nel commercio internazionale. La situazione è resa ancora più complicata dall’emergere di nuove tecniche per la ripartizione del rischio e di prodotti finanziari che hanno poco in comune con l’assicurazione e la riassicurazione tradizionali. Si cercherà di dimostrare poi come l’adozione di un quadro armonizzato per la vigilanza sulla riassicurazione porterebbe notevoli vantaggi sia all’interno dell’UE che a livello internazionale. Si parlerà infine del controllo sull’attività riassicurativa svolta a livello interno dall’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo.

La seconda parte del mio lavoro è incentrata fondamentalmente sul ruolo svolto dalla riassicurazione come strumento per la gestione dei grandi rischi, si cercherà altresì di dimostrare come stipulando un contratto si riassicurazione si possa avere un vantaggio sia del riassicuratore, sia dell’assicuratore e sia ( pur se indirettamente ) dell’assicurato. Si continuerà poi elencando ed analizzando le singole tipologie riassicurative presenti nel mercato italiano e si cercherà di capire in che modo ed in che misura venga preferita una tipologia ad un’altra, ai nostri occhi simile, per la ripartizione di grandi rischi.

Nel terzo ed ultimo capitolo si parlerà degli altri istituti utilizzati per la ripartizione del rischio ma del tutto differenti dalla riassicurazione. Si evidenzierà fondamentalmente la grande differenza tra la riassicurazione e la coassicurazione e si farà un breve excursus che permetterà anche ai meno esperti nel settore di comprendere le analogie e le differenze che intercorrono tra questi ed altri istituti utilizzati per la ripartizione di piccoli e grandi rischi all’interno del mercato nazionale e transfrontaliero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I 1.1 Premessa Qualsiasi soggetto (singolo individuo, associazione, impresa, ecc.), presso il quale siano “localizzati” dei rischi, può trasferire (almeno parzialmente) ad altri soggetti alcuni di questi rischi. Tale trasferimento, in genere, avviene quando il complesso dei rischi supera un certo limite: questa “capacità di conservazione” dei rischi dipende da vari fattori, tra i quali uno dei più importanti è l’ammontare dei mezzi finanziari che possono essere utilizzati per coprire gli eventuali oneri derivanti dall’acquisizione del rischio. Il trasferimento del rischio avviene mediante la stipulazione di contratti di assicurazione e il soggetto destinatario dei rischi trasferiti è quindi un assicuratore. Ovviamente ciò non toglie che anche un’ impresa di assicurazioni possa trovarsi in queste condizioni, ossia ritenere conveniente ridurre la propria esposizione aleatoria cedendo una parte dei rischi assunti, quindi “riassicurandosi”. In questo caso quest’impresa stipulerà un opportuno contratto di riassicurazione con un’altra impresa assicuratrice, che agirà come riassicuratore. La riassicurazione è quindi il contratto con cui l’assicuratore (riassicurato) trasferisce una parte del rischio o dei rischi assunti ad un altro assicuratore (riassicuratore), ferma restando l’estraneità dell’assicurato; inoltre, insieme alla coassicurazione, è uno degli strumenti tipici previsti dal codice civile per la ripartizione del rischio tra più assicuratori. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assicurazione
assicurazione plurima
coassicurazione
direttiva n. 2005/68/ce
gestione dei rischi
isvap
riassicurazione
riassicurazione facob

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi