Skip to content

L’accesso agli atti degli Enti [locali] rapporti privacy-trasparenza e problematiche dei servizi demografici

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Tommaso Papadia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Mauriello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

La disciplina del diritto d’accesso ai documenti amministrativi é il risultato di molte pronunce della Comunità Europea. La C.E. ha rivolto un invito agli Stati membri affinché adottino leggi nazionali su questo tema.
Il primo documento della Comunità Europea (oggi Unione Europea U.E.) é stato la Risoluzione n. 89 del 25 novembre 1981, che indicava i principi da garantire per l’accesso agli atti . Il principio di trasparenza, è per la U.E. come del resto per tutte le Amministrazioni Pubbliche, alla base dell’azione amministrativa. La Costituzione Europea (in via di ratifica) é la palese conferma dell’autorevolezza di tali principi, quelli della trasparenza e dell’azione amministrativa appunto, di cui il diritto d’accesso é una diretta manifestazione attraverso gli articoli I-50 II-102. Il primo articolo riguarda la trasparenza dei lavori e delle Istituzioni, organi e organismi dell’Unione, mentre il secondo riconosce il diritto d’accesso ai documenti delle istituzioni, degli Organi, degli Organismi dell’Unione per ogni cittadino della U.E. e per ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno stato membro. Con la legge 7 agosto 1990 n. 241, recante le norme sul diritto d’accesso, è stata ribaltata la concezione che poneva la segretezza degli atti amministrativi quale regola e la pubblicità come eccezione. Mediante questa legge quindi, ciò che prima era la norma (il segreto) é diventata l’eccezione, mentre la pubblicità degli atti é diventata la regola. Questa legge, é di fatto, il frutto dell’effettiva applicazione del dettato costituzionale e più precisamente degli articoli 97 e 98 Cost. che esplicano i canoni di buon andamento e d’imparzialità della Pubblica Amministrazione. La dottrina minoritaria, collega il diritto d’accesso con il diritto all’informazione esplicato nell’articolo 21 della nostra Costituzione . A distanza di quindici anni, la disciplina del diritto d’accesso, è stata aggiornata in diversi aspetti con l’emanazione della legge 11 febbraio 2005 n.15.
In particolare con questa riforma s’introducono nuove garanzie per il cittadino nei confronti dell’agire pubblico, in particolare l’automatico riconoscimento e il diretto recepimento dei principi propri del diritto comunitario, la conseguente generalizzazione dello strumento dell’accesso anche in applicazione del principio che l’attività amministrativa é improntata al principio di pubblicità, l’obbligo per l’Amministrazione di concludere il procedimento nei termini fissati e la discrezionalità di adire l’Autorità Giudiziaria, senza bisogno di diffidare preventivamente il soggetto pubblico, il dovere per l’Amministrazione di comunicare all’istante i motivi che impediscono l’accoglimento dell’istanza consentendo al medesimo di rappresentare le proprie osservazioni così da consentire all’Amministrazione di adottare una decisione che tenga conto del punto di vista del privato.
Tali innovazioni sono da considerare sostanzialmente operanti sia per le Regioni che per gli Enti Locali che dovranno adeguarsi a tali nuovi principi.
Con questo lavoro intendo esporre le principali innovazioni della recente riforma ed esaminare i rapporti con la normativa sulla tutela del diritto alla riservatezza che in certi aspetti risulta antitetico in relazione al diritto d’accesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La disciplina del diritto d’accesso ai documenti amministrativi é il risultato di molte pronunce della Comunità Europea. La C.E. ha rivolto un invito agli Stati membri affinché adottino leggi nazionali su questo tema. Il primo documento della Comunità Europea (oggi Unione Europea U.E.) é stato la Risoluzione n. 89 del 25 novembre 1981, che indicava i principi da garantire per l’accesso agli atti1. Il principio di trasparenza, è per la U.E. come del resto per tutte le Amministrazioni Pubbliche, alla base dell’azione amministrativa. La Costituzione Europea (in via di ratifica) é la palese conferma dell’autorevolezza di tali principi, quelli della trasparenza e dell’azione amministrativa appunto, di cui il diritto d’accesso é una diretta manifestazione attraverso gli articoli I-50 II-102. Il primo articolo riguarda la trasparenza dei lavori e delle Istituzioni, organi e organismi dell’Unione, mentre il secondo riconosce il diritto d’accesso ai documenti delle istituzioni, degli Organi, degli Organismi dell’Unione per ogni cittadino della U.E. e per ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno stato membro. Con la legge 7 agosto 1990 n. 241, recante le norme sul diritto d’accesso, è stata ribaltata la concezione che poneva la segretezza degli atti amministrativi2 quale regola e la pubblicità come eccezione. Mediante questa legge quindi, ciò che prima era la norma (il segreto) é diventata l’eccezione, mentre la pubblicità degli atti é diventata la regola. Questa legge, é di fatto, il frutto dell’effettiva applicazione del dettato costituzionale e più precisamente degli articoli 973 e 984 Cost. che esplicano i canoni di buon andamento e d’imparzialità della Pubblica Amministrazione. La dottrina minoritaria, collega il diritto 1 Giovanni Modesti, L’esercizio del diritto di accesso agli atti della Pubblica Amministrazione alla luce della legge 15/2005. Pubblicato su iusreporter.it 2 La segretezza era ribadita dall’articolo 15 del Testo Unico sugli impiegati dello Stato. 3 Art. 97 comma 1, “I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità della pubblica amministrazione”. 4 Art. 98 comma 1, “I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della nazione”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi