Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sex and the City - La ''favola metropolitana'' tra moda e mito

Partendo da uno studio approfondito e analitico della serie televisiva di successo Sex and the city, ho esaminato i diversi aspetti ad essa legati, che hanno permesso a questo prodotto di far sì che esso diventasse non solo un successo televisivo, ma anche e soprattutto un modello da seguire. Obiettivo della tesi, dunque è quello di evidenziare come una serie televisiva, apparentemente leggera e superficiale, abbia avuto un impatto rilevante sul pubblico veicolando modelli comportamentali, mode e stili di vita. Il percorso “accademico” sarà ampio e multidisciplinare e si focalizzerà sui molteplici usi che vengono fatti della moda all'interno della serie televisiva. La tesi infatti vuole essere un percorso semiotico, in vari steps su quello che è uno degli elementi fondamentali della serie: la MODA appunto. Innanzitutto verrà analizzato quello che è il ruolo che essa assume nella serie, il modo in cui caratterizza le quattro protagoniste e l'evoluzione che queste hanno durante il corso delle sei stagioni attraverso l'abito; in secondo luogo ci si soffermerà sul personaggio di Carrie Bradshaw, analizzando il suo rapporto quasi morboso e ossessivo con la moda e dunque la sua “malattia” per lo shopping compulsivo (soprattutto per le scarpe di Manolo Blanhik che grazie a Sex and the city sono diventate un vero must, oggetto-feticcio desiderato di molte fans della serie); ancora lo studio della moda in Sex and the city verterà su quella che è considerata la quinta protagonista della serie, ossia la città e che città: New York e il suo cuore pulsante: Manhattan con le sue locations gramour. Le mille sfaccettature della MODA dunque, dietro la quale c'è l'opera di Patricia Field, stilista e costumista che è riuscita attraverso gli abiti delle più note griffe, uniti a quelli vintage e accompagnati da accessori talvolta stravaganti, a creare il look imitatissimo delle quattro protagoniste/eroine in maniera innovativa e originale: infine, in occasione della contemporanea trasposizione della serie televisiva in un capolavoro cinematografico, verrà analizzato il Film, mettendo in evidenza similitudini e differenze con la serie, e l'impatto che esso ha avuto sul pubblico in quanto è stato considerato un vero e proprio “sogno di marketing”.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Partendo da uno studio approfondito e analitico della serie televisiva di successo Sex and the city, ho esaminato i diversi aspetti ad essa legati, che hanno permesso a questo prodotto di far s che esso diventasse non solo un successo televisivo, ma anche e soprattutto un modello da seguire. Obiettivo della tesi, dunque Ł quello di evidenziare come una serie televisiva, apparentemente leggera e superficiale, abbia avuto un impatto rilevante sul pubblico veicolando modelli comportamentali, mode e stili di vita. Il percorso accademico sar ampio e multidiscipli nare e si focalizzer sui molteplici usi che vengono fatti de lla moda all’interno della serie televisiva. La tesi infatti vuole essere un percorso semiotico, in vari steps su quello che Ł uno degli elementi fondamentali della serie: la MODA appunto. Innanzitutto verr analizzato quello che Ł il ruolo che essa assume nella serie, il modo in cui caratterizza le quattro protagoniste e l’evoluzione che queste hanno durante il corso delle sei stagioni attraverso l’abito; in secondo luogo ci si soffermer sul personaggio di Carrie Bradshaw , analizzando il suo rapporto quasi morboso e ossessivo con la moda e dunque la sua malattia per lo shopping

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Digiglio Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9279 click dal 25/02/2009.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.