Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing dei vini di alta gamma: il caso dell'Amarone della Valpolicella

Si può affermare in generale, che un cliente, all’atto di acquisto, acquista soprattutto una soddisfazione di un bisogno, sulla base di motivazioni ed apprezzamenti soggettivi.
La disponibilità del prodotto, il modo con cui viene presentato, il prezzo, il suo aspetto, la comunicazione , sono tutti elementi che il consumatore tiene in considerazione nel suo processo di decisione.
In effetti, ciò che il cliente compra non è soltanto un prodotto nel senso stretto del termine ma un mix di caratteristiche materiali ed immateriali, contenuto in servizi e condizioni di vendita, che danno origine al cosiddetto sistema di prodotto.
Con tutta probabilità il prodotto vino si può definire semplice all’inizio, nel suo approccio concettuale, ma diviene sempre più complesso nella sua realizzazione e sofisticato attraverso le tecniche di commercializzazione e di comunicazione utilizzate per “sedurre” il cliente finale.
Differenti interventi si realizzano lungo il percorso affinché il prodotto possa presentare la migliore attrattiva commerciale nel momento in cui incontra il consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Questo lavoro si concentra sull’analisi dei fattori che determinano un vino di alta gamma. L’analisi è stata sviluppata su un caso studio, unico nel suo genere, l’Amarone della Valpolicella. Prodotto da secoli, sia pure con tecniche estemporanee che lo rendevano diverso dall’attuale, l’Amarone è stato imbottigliato a fini commerciali solamente a partire dal 1953. La vera e propria rivoluzione commerciale avvenne con l’eccezionale annata del 1990. Da questo momento in poi l’Amarone, è diventato un vino icona della produzione italiana. E così anche le aziende hanno cambiato strategie di mercato, visto che il loro vino era diventato un prodotto di eccellenza. Uno sforzo per rendere l’Amarone un marchio vincente e di alta classe, dove collegare una filosofia che negli anni precedenti non esisteva. Per operare in tale direzione e quindi tendere all’eccellenza spesso è necessario attivare cambiamenti guidati da una dirigenza innovativa, capace di determinare forte coesione su questi obiettivi da parte di tutta l’organizzazione. Tutto ciò è avvenuto nella verdeggiante Valpolicella, dove i produttori credono in un vino che interpreti al massimo la propria terra, un prodotto ricco di qualità intrinseche e capace di soddisfare pienamente i gusti e le aspettative dei consumatori. Lo scopo della mia ricerca, è stato dunque quello di analizzare tutto il percorso, che ha fatto il vino Amarone per diventare un icona del mercato vinicolo mondiale.

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Mosca Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4747 click dal 26/02/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.