Skip to content

I movimenti anticamorra negli anni '80

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Maria Frigenti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Guido Panico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

La Tesi di Laurea, I movimenti anticamorra negli anni ’80, affronta il problema della malavita organizzata in Campania dal punto di vista di chi l’ha combattuta e continua tutt’ora a combatterla. Il lavoro è diviso in tre capitoli. Il primo tratta la storia del fenomeno camorristico dalle sue origini, oltre un secolo fa, ai giorni nostri, soffermandosi sul concetto “camorra”, slittandolo attraverso tutti gli avvenimenti salienti che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese. Uno sguardo più attento viene fornito agli anni ’80, il decennio nel quale questo fenomeno, attraverso varie figure, come quelle di Raffaele Cutolo, Enzo Casillo, Antonio Bardellino e tanti altri, raggiunge l’apice del suo potere con il traffico di stupefacenti, il contrabbando di armi e gli affari nel campo dell’edilizia soprattutto dopo il terremoto del 1980.
Il secondo capitolo, invece, entra nel nocciolo della questione, cioè tratta del Movimento anticamorra, nato appunto negli anni ’80. Diviso in quattro paragrafi, la reazione viene affrontata attraverso il lavoro dei sindacati e dei Movimenti studenteschi, i quali in quegli anni, con manifestazioni e assemblee, saranno capaci di mobilitare intere schiere di cittadini per un “no” compatto agli affari della camorra; attraverso l’impegno costante di buona parte della Chiesa, soprattutto grazie alla figura del vescovo di Acerra, mons. Antonio Riboldi ed infine, con il lavoro mediatico degli intellettuali e degli artisti campani, che in quegli anni tratteranno il problema usando la loro immagine al fine di sensibilizzare le masse, vittime inermi della violenza della camorra.
La Tesi si conclude con un terzo capitolo, che tratta degli anni ’90, dei nuovi assetti e del nuovo volto della criminalità organizzata campana, con l’ascesa di nuovi personaggi, come Carmine Alfieri e Pasquale Galasso e, in concomitanza, dell’ evoluzione del Movimento, che, rispetto al decennio precedente, assume aspetti più sociali, superando la sola mobilitazione di piazza.
Il lavoro è corredato da tre interviste: una a Lucia Torre, vedova del sindaco democristiano di Pagani, Marcello Torre, assassinato dalla camorra nel dicembre 1980; la seconda al vescovo emerito di Acerra, mons. Antonio Riboldi, figura chiave della lotta alla camorra e l’ultima all’avv. Antonio Parisi, presidente dell’ “Associazione studenti napoletani contro la camorra” dal 1990 al 1993.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 STORIA DELLA CAMORRA 1. Cos’è la camorra. Sembra che la parola Camorra derivi da “capo della morra”, dall’individuo che regolava lo svolgimento del tipico gioco di strada affinché non degenerasse in rissa 1 . Paolo Ricci ne “Le origini della camorra” (ed. Sintesi, 1989), invece, afferma che questo termine si trova spesso citato nelle antiche commedie in dialetto napoletano, ad indicare una specie di abito o giacca cortissima. In una comunicazione del 27 settembre 1573 si legge: «A nostra notizia è pervenuto che dentro le carceri della Gran Corte della vicaria si fanno molte estorsioni dai carcerati, creandosi l’un l’altro priori in dette carceri, facendosi pagare l’olio per le lampade e facendosi dare altri illeciti pagamenti, facendo essi da padroni in dette carceri» 2 . Secondo Luca Torre, autore del saggio “Usi e costumi dei camorristi. Storia di ieri e di oggi”, l’organizzazione camorrista nasce dalla Confraternita della Guardugna (confraternita della rapina) esistente in Spagna già dal 1417: «una sorta di società segreta composta da 1 C. Lucarelli, Storia della camorra, Blu notte, 07/11/2004. 2 A. De Blasio, Usi e costumi dei camorristi. Storia di ieri e di oggi, a cura di L. Torre, Napoletanina tascabile, Napoli, 1993, p. VI.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anticamorra
camorra
edoardo maria frigenti
giancarlo siani
i movimenti anticamorra negli anni '80
lucia torre
marcello ravveduto
marcello torre
mons. antonio riboldi
raffaele cutolo
storia contemporanea
storia della camorra
terremoto 1980

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi