Skip to content

Independence-Friendly Logic

Informazioni tesi

  Autore: Fausto Barbero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Matematica
  Relatore: Gabriele Lolli
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 70

The present work is a critical analysis of IF ("Independence-Friendly") logic, a logical system which was introduced by the Finnish philosopher Jaakko Hintikka towards the end of the '80s. It is a syntactical variant of Leon Henkin's logic of the branching quantifiers; Henkin's and Hintikka's logics are both characterized by the great freedom they allow in expressing functional dependences and independences among individual variables. Relationships of this kind were already implicit in classical logic; yet, by means of the classical first-order syntax only a small and rather arbitrary subset of all dependence and independence relationships can be expressed.
Hintikka claims that his logic plays a fundamental role in the foundations of mathematics; he even suggested that it may be the case that IF logic should replace first-order classical logic. The purpose of the present work is a formal clarification of the definition and peculiarities of Independence-Friendly logic, aimed at a full understanding of Hintikka's assertions. This seems to be a necessary step towards the confirmation or refutation of Hintikka's claims.
Chapter One introduces Hintikka's syntax, and the most traditional semantics for IF logic; then comes an overview of the main syntactical variants which occur in literature. Following Hintikka, we describe another semantics, which is based on Game Theory; we prove its equivalence with the previous semantics. We prove that IF logic is also equivalent with a significant fragment of second-order logic. Then, we present a generalized IF logic, and its semantics as formalized by W.Hodges; we explain the relationship which bounds together IF and generalized IF logic; through Hodges' semantics we obtain an answer to the problem of "compositionality" of IF logic.
Chapter Two is devoted to an analysis of the differences between IF and first-order classical logic. The focus is mainly on the difficulties which arise in the treatment of concepts such as negation, equivalence and implication. Towards the end of the chapter, we shift our attention to some relevant remarks of Theo Janssen.
A few of his remarks reveal bizarre features of IF logic, and cast doubts on its meanings. Others seem to be simply wrong; yet, a careful examination of these argumentations shows that IF logic is extremely sensitive to slight changes in syntax.
In Chapter Three we make use of the formalization which was developed so far in order to re-examine some of the main claims of Hintikka's "The Principles of Mathematics Revisited".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
0.1 Introduction A series of recent papers of the Finnish logicians Jaakko Hintikka and Gabriel Sandu - and, in particular, Hintikka’s 1996 treatise The Principles of Mathe- matics Revisited - revived the interest in a minor generalization of first-order logic, the logic of branching quantifiers. Introduced in the early sixties by Leon Henkin ([6]), the logic of branching quantifiers was shown not to be recursively axiomatizable; it turned out to be equivalent, from a semantical viewpoint, to a fragment of second-order logic known as Σ11 logic; and it was even employed to prove an old conjecture on first-order logic ([20]). The intuition behind the branching quantifiers is that quantifiers establish dependences among variables; whenever an existential quantifier occurs within the scope of a universal quan- tifier, the existentially quantified variable depends on the universally quantified variable; the branching quantifiers permit any possible pattern of dependence, while first-order syntax allows only patterns with a peculiar structure. Hintikka and Sandu introduced a new, linear notation for branching quantifi- cation, featuring tokens like ∃y/∀x1, . . . ,∀xn (y is specified to be independent of x1, . . . , xn); they called the logic that bears this syntax Independence-Friendly (IF) logic. They also provided an alternative semantics based on game theory; and they investigated the role of negation. Allowing negations in front of IF sentences leads out of Σ11 logic; the new logic thus obtained was called extended IF logic. But, above all, Jaakko Hintikka tried to to persuade mathematicians and philosophers of mathematics that IF logic had a central role in the foundations of mathematics; that it was, in a sense, the true first-order logic, freed from unnatural restrictions. It was hard to judge of the correctness of his claims, because of two reasons at least. The first is the style adopted in The Princi- ples of Mathematics Revisited : lots of mathematical results are quoted without demonstrations, and the argumentations seem to be chosen and ordered so as to convince rather than clarify. Other difficulties spring from IF logic itself. The law of the excluded middle turned out to fail in IF logic; that is, there are IF sentences that are neither true nor false. As a consequence, “false” and “non-true”, “true” and “non- false” become distinct concepts; the crucial semantic notions of equivalence and logical implication have no more a univocal, “canonical” definition. On such unusual grounds, it is an hard matter to decide whether IF logic really resembles first-order logic or not, and whether results concerning IF logic have the same philosophical import than they would have if they were proved for more regular logics. The purpose of the present work is to provide the reader with some of the instruments that are needed to understand the debates around IF logic. The presentation is more formal than Hintikka’s; proofs are often provided, except for when the results are already well-known from more traditional areas of logic. Hintikka’s arguments in favor of IF logic are presented and criticized. But they come in the end, in the third and last chapter, when the technical and problematic aspects of IF logic have already been discussed. It is proved that 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

branching quantifier
compositional
compositionality
dechesne
dependence
friendly
henkin
hintikka
hodges
if
independence
janssen
logic
principles
revisited
semantics
tertium non datur
truth predicate
epistemic logic
intuitionistic logic
quantifiers

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi