Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli psoraleni come induttori del differenziamento eritroide

questo lavoro di ricerca si inserisce in un progetto molto ampio di indagine biochimica sull'attività di alcune classi molecolari su callule eritroleucemiche K562. Tra queste classi molecolari, le più interessanti sono sembrate gli sporaleni. é stata testata l'attività antiproliferativa e l'attività differenziante.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE 1.1. GLI PSORALENI Gli psoraleni (fig.1), detti anche furanocumarine, possono essere d’origine vegetale o sintetica, hanno una struttura triciclica planare lineare o angolare e derivano dalla condensazione di un nucleo cumarinico con un furano 1 . Sono molto interessanti per la loro attività fotobiologica e fototerapeutica; infatti, provocano una sensibilizzazione della pelle con un inizio d’eritema seguito da un imbrunimento della pigmentazione. Fin dall’antichità queste proprietà sono state riconosciute dalle popolazioni turche, indù ed egiziane e sono state usate per la cura della vitiligine (malattia della pelle di origine autoimmune). L’effetto tossico si vede d’estate quando si può manifestare una fito-foto dermatite se la pelle viene a contatto con piante che contengono psoraleni, dopo che questi sono stati attivati dall’esposizione ai raggi solari. Quest’attività fotoindotta caratteristica delle molecole psoraleniche viene oggi sfruttata per la cura di patologie dell’epidermide in combinazione a luce UVA; questo tipo di terapia viene chiamata appunto PUVA 2 (psoralen plus UVA). Il trattamento consisteva nella somministrazione orale di 8-metossipsoralene (8-MOP) (fig. 2) seguito da esposizione della pelle del paziente a luce UVA. Questa cura viene usata per la cura dalla psoriasi, e per altre patologie dell’epidermide. Fig. 1 struttura dello scheletro base degli psoraleni

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Katia Saro Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 548 click dal 11/11/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.