Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione del linguaggio in un centro logopedico sloveno

In seguito al tirocinio svolto presso il centro logopedico sloveno di Portorose, che si occupa principalmente di bambini portatori di handicap quali sordita`, ipoacusia e di bambini con problemi di linguaggio, mi sono proposta di scrivere il mio elaborato descrivendo il Centro come istituzione pubblica, le attivita` che vi si svolgono e l'organizzazione. L'obiettivo principale che mi sono proposta e` stato la descrizione dell'acquisizione del linguaggio nei bambini portatori di handicap e l'analisi degli strumenti di valutazione utilizzati presso il Centro per la correzione dell'udito e della pronuncia Portorose.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il linguaggio viene definito come “capacità peculiare della specie umana di comunicare per mezzo di un sistema di segni vocali che mette in gioco una tecnica fisiologica complessa la quale presuppone l’esistenza di una funzione simbolica e di centri nervosi geneticamente specializzati” (Zingarelli, 2005, p. 1010). Molti sono gli studiosi che si sono occupati del linguaggio in passato e l’argomento suscita ancora notevole ineresse. Il linguaggio incorpora anche un “particolare significato che l’uomo riconosce o attribuisce a determinati segni, gesti, oggetti, simboli, e sim. e facoltà di esprimersi mediante il loro uso” (Zingarelli, 2005, p. 1010). Durante il mio tirocinio, svolto presso il Center za korekcijo sluha in govora Portorož – Centro per la correzione dell’udito e della pronuncia Portorose, con la psicologa Tanja Filipčič Mrak, ho avuto occasione di seguire i bambini prescolari e scolari con anomalie o portatori di vari hanicap. Lo scopo di questo elaborato scritto è spiegare lo sviluppo del linguaggio dal punto di vista di vari ricercatori, sia a livello biologico che psicologico, ed elaborare alcune ricerche riguardanti l’apprendimento del linguaggio (capitolo 1). Ho prosegue con la spiegazione dell’acquisizione del linguaggio nei bambini deficitari (capitolo 2). L’ultimo capitolo (capitolo 3) comprende l’elenco degli strumenti di valutazione che ho avuto modo di utilizzare durante il tirocinio. L’elaborato si conclude con la presentazione dello strumento di valutazione dello sviluppo prescolare di Nevenka Čuturić (RTČ-P). Ho cercato di eseguire un’attenta analisi con particolare attenzione alla valutazione del linguaggio nei bambini sin dal primo mese di vita. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Elena Bulfon Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 948 click dal 25/06/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.