Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ''Dialoghi con un musulmano'' dell'imperatore bizantino Manuele II paleologo (1350-1425)

Il 12 settembre 2006 Benedetto XVI, durante il suo viaggio in Baviera, ha tenuto all’ Università di Ratisbona una lectio magistralis intitolata «Fede, ragione e università. Ricordi e riflessioni”. Durante il discorso papa Ratzinger ha ampiamente citato la VII discussione dei Dialoghi con un musulmano di Manuele II Paleologo ...

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione INTRODUZIONE Il 12 settembre 2006 Benedetto XVI, durante il suo viaggio in Baviera, ha tenuto all’ Università di Ratisbona una lectio magistralis intitolata «Fede, ragione e università. Ricordi e riflessioni». Durante il discorso papa Ratzinger ha ampiamente citato la VII discussione dei Dialoghi con un musulmano di Manuele II Paleologo (1350- 1425) per quanto riguarda il rapporto tra fede e ragione e tra Cristianesimo e Islam. La lezione del papa è stata oggetto di fraintendimento e di discussione e soprattutto la citazione, tratta dalla VII discussione: «Mostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e ritroverai soltanto cose cattive e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede che egli predicava», ha scatenato la reazione del mondo islamico. La lettera che i trentotto tra i massimi esponenti dell’ Islam mondiale hanno fatto pervenire a Ratzinger, per esprimergli la loro contrarietà alle cose che aveva detto nel discorso di Ratisbona, è stata un episodio assolutamente inedito nella storia dei rapporti tra le religioni. Ci sono state anche minacce di morte nei i/157

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Marianna Cosenza Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 792 click dal 03/03/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.