Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio equo e solidale: il caso del miele in Croazia

Attraverso questo lavoro si è cercato di rendere più chiaro il ruolo attuale e potenziale del commercio equo e solidale. La soluzione al commercio mondiale, proposta dal commercio alternativo, è quella di vendere i prodotti acquistati direttamente dai contadini e dagli artigiani del Sud del mondo, in modo da rendere loro una buona parte del prezzo pagato. Ciò comporterebbe un prezzo equo perché stabilito direttamente dai produttori stessi, i quali meglio di tutti sanno qual è la giusta retribuzione al loro lavoro.Inoltre è importate sottolineare come la scelta etica di una minoranza di consumatori del Nord del mondo, possa migliorare in modo reale e concreto le condizioni di vita dei lavoratori delle aree più svantaggiate.L’obiettivo principale di questa tesi è quello di presentare, dal punto di vista sociale e statistico-economico, le conseguenze del commercio equo e solidale, presentando al suo interno uno studio realistico su un progetto attuato in Croazia. Tale studio è stato realizzato utilizzando un’analisi statistica fattoriale in componenti principali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Fino ad una ventina di anni fa si individuava nello sviluppo del settore manifatturiero una possibile evoluzione dei paesi in via di sviluppo, in particolar modo un aumento della produttività delle risorse impiegate e del prodotto interno lordo e, conseguentemente, una maggiore occasione di sviluppo commerciale. Ma ancora il ruolo del commercio internazionale nello sviluppo dei paesi in via di sviluppo è uno dei più discussi, provocando non pochi contrasti e dissensi. Nel corso degli anni ’90 è cresciuta l’attenzione, da parte dell’opinione pubblica mondiale, sugli effetti della politica commerciale liberista posta in essere dagli accordi del World Trade Organization (WTO). L’ultima conferenza ministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio si è tenuta a Cancun, in Messico, dal 10 al 14 settembre 2003, quando uomini politici dei 144 Paesi membri sono stati chiamati a prendere importanti decisioni sul tema del commercio. Il fallimento del vertice del WTO fa riflettere sulla difficoltà di gestire un mondo globale complesso come quello odierno e solleva interrogativi in merito alle tematiche riguardanti l’equità, oggi particolarmente rilevanti in 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Marilena Sanità Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1043 click dal 04/03/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.