Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La verbalizzazione dell'eros ne "Le Mille e una Notte"

La presente ricerca si basa sulla tassonomia dei termini erotici presenti nella raccolta de “Le Mille e una notte”. In questo studio sono stati estratti tutti i passaggi sensuali-erotici, tralasciando le ripetizioni di termini uguali all’interno della stessa pagina, espressi sia in maniera esplicita con riferimenti all’organo sessuale, sia in maniera allusiva, che sottintesi tramite metafore, analogie dell’atto sessuale o del corpo.
Per meglio comprendere il contesto in cui è utilizzata tutta la terminologia erotica dell’opera, è stato necessario schedare tutti i passaggi in apposite colonne con le seguenti indicazioni: tipologie di atto sessuale, (per comprendere ad esempio se i soggetti erano consenzienti o no al momento dell’atto), i soggetti a cui sono rivolte le singole frasi, (da cui verificare se esistono terminologie tipicamente maschili o femminili), i narratori (per comprendere se si tratta di un discorso diretto o indiretto), i luoghi relativi alle azioni (per una migliore comprensione del contesto), e i tempi (dai quali comprendere se esiste o no una durata tipica nell’atto sessuale). Infine si è pensato di elencare in un’ulteriore colonna il numero della Notte (dalla nr. 0 alla nr. 2001), la pagina e il rigo relativi alla versione araba, a cui fare riferimento per un eventuale approfondimento nello studio delle frasi.

Mostra/Nascondi contenuto.
II SESSIONE AUTUNNALE DICEMBRE 2002 INTRODUZIONE LA VERBALIZZAZIONE DELL’EROS NE “LE MILLE E UNA NOTTE” 1 ﻜﺴﺗ نﺎﺨﻟﺎآﻼﺣار ﺢﺒﺼﺗو ﻪﻨ ﻢﻠﻌﺗ ﻻ ﻦﻣ ﻪﻴﻓ كﺪﻌﺏ ﻞﺤﻴﻓ Esse (le donne) sono come un caravanserraglio in cui prendi alloggio, e il mattino dopo riparti, e il tuo posto viene occupato da uno sconosciuto (Notte171-pag.328-rigo18) La presente ricerca si basa sulla tassonomia dei termini erotici presenti nella raccolta de “Le Mille e una notte”, più esattamente nei 102 racconti della raccolta in lingua Araba edizione di Bulaq della raccolta Schiaparelli, Alf Laylah wa Laylah, tipografia al-Umra Othmaniya seconda ristampa, 1308 dell’Egira ﺔﻠﻴﻟو ﺔﻠﻴﻟ ﻒﻟأ بﺎﺘآ ﺔﻴﻥﺎﺜﻟا ﺔﻌﺒﻄﻟا ةﺮﻤﻌﻟا ﺔﻌﺒﻄﻤﻟﺎﺏ ﻪﻴﻥﺎﻤﺜﻌﻟا ﺔﻨﺱ1308ﻪﻱﺮﺠه ﻞﻀﻓأ ﺎﻬﺒﺣﺎﺹ ﻰﻠﻋ ﻪﻴﺤﺘﻟا ﻰآزأو ةﻼﺼﻟا messi a diretto confronto, con i 233 (compresi di sottoracconti) della traduzione in lingua Italiana curata da Francesco Gabrieli, Le mille e una notte, Giulio Einaudi Editore, (1948 prima edizione)1997, Torino, IV volumi. In questo studio sono stati estratti tutti i passaggi sensuali-erotici, tralasciando le ripetizioni di termini uguali all’interno della stessa pagina, espressi sia in maniera esplicita con riferimenti all’organo sessuale, sia in maniera allusiva, che sottintesi tramite metafore, analogie dell’atto sessuale o del corpo. Tutti i passaggi sono stati inseriti in una apposita schedatura nella quale la frase dal contenuto erotico è trascritta in corsivo in Italiano con il testo in Arabo a fronte in una apposita colonna in cui il termine da analizzare è evidenziato in rosso senza nulla aggiungere al testo originale. Il termine specificatamente erotico è ripetuto, se necessario vocalizzato e analizzato in una colonna a parte, in cui si è spiegato il significato originario della sua radice verbale e il contesto in cui è stato utilizzato, 1 Il testo viene conosciuto agli inizi del 1700, quando l’orientaliasta francese Antoine Galland (1646 - 1715) viene a conoscenza di una copia manoscritta in lingua araba, e ne realizza una traduzione in lingua francese, adattandola al gusto del suo tempo. I suoi scritti, tramite i salotti letterari francesi e il relativo interesse crescente verso il medio oritente, dato dai resoconti dei primi viaggiatori, si diffondono in Europa raggiungendo la fama mondiale con il titolo ﺔﻠﻴﻟو ﺔﻠﻴﻟ ﻒﻟأ “Le Mille e una notte”. Per approfondire l’argomento si veda: Alf Layla wa Layla su Éncyclopedie de l’Islam, pp.369- 375 Tomo I, e Introduzione di Elisseéf Nikita, Thémes et motifs des Milles et une Nuits, essai de classification, Institut Français de Damas, 1949.

Tesi di Laurea

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Silvia Giannubilo Contatta »

Composta da 282 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2616 click dal 05/03/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.